"Caccia alla poltrona per Monassi", Russo attiva la raccolta firme

Con la campagna si esige che a Trieste "i manager pubblici siano scelti per le loro competenze tecniche, per la loro visione e non per le loro amicizie"

Una raccolta firme per richiedere che i manager pubblici a Trieste siano scelti per competenze tecniche e non amicizie. E' l'idea del vicepresidente del consiglio regionale Francesco Russo "per dire basta a questa surreale “caccia alla poltrona” per Marina Monassi".

"Non mi stancherò mai di dire - scrive Russo sulla sua pagina Facebook - che questi comportamenti sono vergognosi, così come non smetterò di sorprendermi del silenzio poco comprensibile della classe politica triestina. Ma provo a spingermi un po’ più in là chiedendovi un aiuto concreto: ho attivato una campagna di raccolta firme online (a questo link) per promuovere un’idea tanto semplice quanto “purtroppo” rivoluzionaria. Quella di esigere che i manager pubblici, a Trieste, siano scelti per le loro competenze tecniche, per la loro visione e non per le loro amicizie".

"Caccia alla "poltrona" per la Monassi", Russo: "Ossessione del centrodestra"

"Questa non è una campagna di un partito politico, ma è sicuramente una campagna di parte. Di quella parte che vuole dire basta alle poltrone date agli amici degli amici. Ed è una partita che si può vincere solamente insieme" conclude Russo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Una DANNISTA costosa oltre che inutile.....grazie Camber per riproporcela ad oltranza nelle più svariate presidenze, sei più dannoso di lei ......sarebbe ora di finirla di votarti per gli scemi che ancora lo fanno....!

  • Ohi... Parenti... Ovviamente il pd è esente...

  • Io dico proprio a monassi non gli darei nemmeno un carro con un Muss a guidare a fatto già parecchi danni a Trieste ora basta

  • Un Muss no pol darghe presidenze alla cacchio via a chi che xè una mussa più granda de lu.....quanto fè schifo in quela parochia del malafare !

  • E invece sbagliate tutti, siete tuti cascati come peri nella rete propagandistica tesa dal Piccolo e dal PD. Andate a vedervi le statistiche: da quando Trieste è stabilmente il primo porto italiano? Dal 2014. E chi era a capo del porto nel 2013-2014? Ebbene sì, proprio lei, l'arci-diavolessa Monassi! D'Agostino non ha "messo a posto" il porto, ma sta conducendo ottimamente un porto che al suo arrivo era già più che "a posto".

  • sono assolutamente d'accordo con Russo unico del Pd con testa, la Monassi ha fatto molti danni basta vedere dopo la sua levata dal porto come d'Agostino è riuscito a metterlo a posto, il porto vecchio lo ha lasciato abbandonato con gravi danni ai tetti che sono crollati, ma la magistratura non è intervenuta, ora ci costerà una fortuna per rimetterlo a posto, chi crea lavoro e aumenta l'azienda in cui lavora si, chi fa danni li faccia a casa sua, complimenti a Russo

  • Sono di destra ma assolutamente d'accordo! E vale anche per la Benussi... Una città in ostaggio e serva di camber. Basta!!!

  • le mie idee sono lontane una galassia da quelle di Russo , ma sulla Montassi sono totalmente d'accordo con lui. Basta veramente con questa gentile signora. NO SE POL PIÙ DE VEDERLA.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A4, viadotto tagliamento: aperta direzione Venezia, presto Trieste (FOTO)

  • Cronaca

    Spot Terminal Passeggeri, Negrisin (Xerianpartners): “Mai specificata committenza”

  • Sport

    Tuiach perde il titolo di campione dei pesi massimi

  • Green

    Stagno a Basovizza "ripulito" da piante infestanti (FOTO)

I più letti della settimana

  • Terremoto di magnitudo 3.8 a 37 km da Trieste, sentito ai piani alti

  • Incidente sulla Costiera: frontale auto-furgone, 3 feriti gravi

  • Furgone inseguito dai Carabinieri si schianta in un frontale tra Col e Opicina

  • Schianto nella galleria di via Carnaro: grave il conducente

  • Una macchina si cappotta sulla curva dell'Italcementi, chiusa la GVT

  • Investe un'anziana in via dell'Istria e scappa: rintracciato dalla Polizia locale

Torna su
TriestePrima è in caricamento