Mutuo casa, Serracchiani: «Regione sarà garante per precari e giovani coppie»

Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani a seguito dell'approvazione del disegno di legge di Riforma organica delle Politiche abitative

«Con l'approvazione della Riforma del settore Casa oggi diamo avvio a una nuova politica verso i cittadini e le imprese per dare una forte risposta al fabbisogno abitativo». Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani a seguito dell'approvazione, oggi in Consiglio regionale, del disegno di legge di Riforma organica delle Politiche abitative e riordino delle Ater.

«Più volte e per molti anni abbiamo detto che il mondo era cambiato e con esso anche le esigenze dei cittadini del Friuli Venezia Giulia. Ora - ha precisato Serracchiani - abbiamo uno strumento che, partendo dal territorio con il protagonismo dei sindaci, sarà in grado di dare risposte più veloci e più efficienti».

«Recupero di alloggi ATER (Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale), di alloggi privati e convenzioni pubblico-private per smobilitare l'invenduto delle imprese; Sostegno alle locazioni e nuovi strumenti per le Morosità incolpevoli e uniformità delle condizioni degli inquilini dell'Edilizia residenziale pubblica: tutte misure che andranno anche a sostegno del settore dell'Edilizia oltre che dei cittadini», ha aggiunto.

La presidente ha quindi evidenziato come «attraverso il nuovo canale contributivo per la prima casa, che interviene a favore dei tanti precari o delle giovani coppie che cercano casa, con la Regione che si farà garante presso le banche, sarà possibile ampliare l'offerta e le possibilità di chi vuole accedere a un'abitazione di proprietà. Il tutto senza far venir meno anche il contributo economico regionale rivolto a chi recupera o esegue una manutenzione su immobili già esistenti per limitare il consumo di suolo e recuperare i nostri centri urbani».

«Una risposta complessiva, flessibile e coordinata con il territorio, supportata da una dotazione finanziaria crescente già a partire dall'inizio della legislatura, che ha visto mettere in campo più di 150 milioni di euro», ha concluso la presidente Serracchiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento