Controllo nutrie, Piccin: «Attacchi gratuiti ai cacciatori»

«Dal 2016 non sono più oggetto di tutela e per questo vengono equiparate a ratti e topi»

«Le azioni di contrasto alla presenza delle nutrie nel territorio regionale, sia mediante la cattura con gabbie-trappola che l'abbattimento diretto con mezzi consentiti, sono perfettamente legali e frutto di una riflessione adeguata nonché di una valutazione ponderata delle possibili conseguenze prevedibili, approvate anche dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, per arginare i danni alle colture e limitare il rischio idraulico che la presenza dell'animale comporta. Gli attacchi alla categoria dei cacciatori sono tanto sterili quanto pretestuosi, in quanto le categorie previste dalla proposta di legge per il prelievo comprendono il personale del Corpo forestale regionale oltre ai proprietari e conduttori fondi agricoli, le guardie venatorie volontarie di cui alla legge 157/1992».
Così Mara Piccin, consigliere regionale di Forza Italia e prima firmataria della proposta di legge per l'eradicazione della nutria, che sarà in discussione in IV commissione assieme al disegno di legge della Giunta di pari oggetto, commenta le reazioni alla presentazione del documento.

La consigliera pordenonese ci tiene a precisare: «Bisogna avere il coraggio di distinguere in base alle normative vigenti. Esistono leggi che regolamentano in modo preciso un'attività legittima come quella venatoria ed esistono leggi per la tutela e il benessere degli animali d'affezione, e in questo il Friuli Venezia Giulia è fra le prime regioni ad approvarle. Qui però siamo di fronte ad altro. La nutria è un animale alloctono, cioè originario di un altro continente, che impatta su decine di altre specie indigene, tipiche del nostro patrimonio faunistico, creando danni biologici ed ecologici, oltreché problemi idraulici con l'erosione delle sponde e l'eliminazione della vegetazione ripariale, senza considerare i danni che crea nei confronti dell'agricoltura nutrendosi di piante coltivate. Da valutare sono anche eventuali problemi di carattere sanitario».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La consigliera forzista conclude: «Dal 2016, con legge dello stato e in linea con il regolamento europeo 1143/2014, la nutria è stata esclusa dalle specie di fauna selvatica e quindi non più oggetto di tutela e per questo equiparata a ratti e topi e quindi oggetto di interventi per il controllo finalizzati all'eradicazione, o comunque al controllo delle popolazioni presenti. A questo punto, trovo imbarazzante e privo di fondatezza giuridica prendere a pretesto la proposta di legge per un attacco gratuito al mondo venatorio che ha sempre svolto e continua a svolgere un ruolo importante di gestore dell'ambiente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Il virus in Fvg non si ferma: 114 nuovi positivi e sette decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento