Percosse e lezioni di arabo a Maniago, Novelli (Fi): «Integrazione riuscita, insegna il Corano e picchia i bambini»

«Continuare sempre e comunque a giustificare e considerare questi episodi marginali è un clamoroso errore che rischiamo di pagare caro»

«Insegnava il Corano in una scuola abusiva, picchiava i bambini e nonostante sia residente in Italia dal 2006  parla poco l’italiano. Ecco lo spaccato di una situazione carsica in cui i nostri “ospiti” di fede musulmana tutto cercano tranne che l’integrazione». Così il consigliere regionale forzista Roberto Novelli commenta la notizia dei maltrattamenti perpetrati dall' "insegnante abusiva" a Maniago. 

«Se vogliamo continuare a guardare questo mondo con gli occhialini rosa - ironizza Novelli -, stiamo commettendo un grave errore che lentamente ma inesorabilmente rischia di minare alla base le nostre conquiste sociali e democratiche. Questo episodio non può essere considerato isolato perché sappiamo bene come la loro cultura e la loro religione, che riconduce tutto alla fede coranica, non può cercare l’integrazione, ma vuole mantenere saldi i precetti trasmessi da Maometto che poco si possono conciliare con i nostri valori, principi di libertà, democrazia e rispetto della persona».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Continuare sempre e comunque a giustificare e considerare questi episodi marginali - conclude l'esponente di Forza Italia - è un clamoroso errore che rischiamo di pagare caro. Dobbiamo accendere un faro su queste comunita’ ed incominciare a domandarci sul serio perché nonostante molti di loro vivano in Italia da molto tempo, non abbiano ancora imparato la nostra lingua, cosa facciano realmente le tante associazioni rette da islamici che in realtà nascondono moschee abusive e cosa pensino dei diritti civili che ci siamo faticosamente conquistati. Tra buonisti e realisti forse sarà meglio scegliere i secondi per non abdicare anche inconsapevolmente ad un modello di vita, di società e di religione che non ci appartiene».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento