"Portatori di bisogni speciali": niente code negli uffici comunali

Camber (FI): «Tabelle di cortesia segnalanti l'obbligo di dare la precedenza a questi cittadini»

Piero Camber

É stata approvata con voto unanime la mozione presentata dai consiglieri Piero Camber, capogruppo di Forza Italia, Alberto Polacco e Michele Babuder, per chiedere al Comune di predisporre delle «misure finalizzate ad evitare le code agli sportelli alle persone portatrici di bisogni speciali, come i diversamente abili, donne incinta o genitori con bambini particolarmente piccoli o grandi anziani. In tal senso sono giunte diverse segnalazioni sul fatto che non viene data loro alcuna precedenza e si trovano così a sopportare faticose attese».

«La richiesta è quella di apporre delle tabelle di cortesia segnalanti l'obbligo, quantomeno morale, di dare la precedenza a questi cittadini - spiega Camber -; senza duplicare gli sportelli, sarebbe sufficiente un'apposita segnaletica colorata a terra, indicante di fatto due corsie. Un piccolo segno di attenzione ulteriore che l'Amministrazione comunale desidera dare, con la speranza che altri Enti pubblici ed Istituzioni private possano poi seguire tale esempio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento