Porto Franco, Menis (M5S): «Cosolini solo agente immobiliare per vendere stabili»

Paolo Menis, consigliere in Comune per M5S: «Utilizzo punti franchi del Porto di Trieste è alla base della ripresa del lavoro in città. Dichiarazioni di Cosolini confermano che il primo cittadino non ha capito l'importanza di questo elemento»

«Il sindaco dimostra di non voler seguire l'iter previsto dalla legge tanto voluta dal senatore Russo, emendamento alla legge di stabilità che peraltro il M5S ha duramente contestato». Lo dice il consigliere comunale per il M5S, Paolo Menis.

«La legge prevede che lo spostamento del punto franco sia precedente alla sdemanializzazione mentre il sindaco, dalle ultime affermazioni, pare intenzionato a fare il contrario.»

«Noi sosteniamo che il punto franco internazionale vada piuttosto allargato a tutto il territorio provinciale trovando dei meccanismi di flessibilità che permettano alle aziende di applicarlo quando serve e disattivarlo quando non conviene. Cosolini e Pd, invece, ci sembrano
interessati a fare solamente gli agenti immobiliari per vendere gli edifici presenti nell'area del porto vecchio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento