Il prefetto Porzio si congeda: "Lascio una città trasformata"

“Forse la situazione che sta vivendo Trieste è unica in Italia. Mi piacerebbe portare il suo sindaco a Roma”. Dipiazza: "Grazie per questi tre anni meravigliosi, abbiamo sempre collaborato senza mai scontrarci”

“Grazie per questi tre anni meravigliosi, in cui abbiamo sempre collaborato proficuamente senza mai scontrarci” queste le parole del sindaco Dipiazza al prefetto uscente Annapaola Porzio, che è stata salutata dalle rappresentanze del Comune nel Salotto Azzurro del municipio oggi, mercoledì 30 gennaio. La dottoressa Porzio assumerà ora l'incarico di Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura. “Sarà una bella sfida, - ha dichiarato - più difficile dell'incarico che lascio e sarà ben diverso dall'essere su un territorio. Sarò su più territori perché dovrò girare molto l'Italia. Tornerò a Roma, dove sono nata, ma lascio malvolentieri questa città. Che ho amato molto”. Le subentrerà il dottor Valerio Valenti, dal 2017 prefetto della provincia di Brindisi.

Valerio Valenti è il nuovo prefetto di Trieste

Matera e Trieste

Il sindaco e il prefetto si sono intrattenuti in una cordiale conversazione, in cui è stato fatto un parallelismo tra Trieste e Matera “città prima sconosciuta – hanno concordato i due - ma dopo essere stata scenario del film The Passion e con la nomina a capitale della cultura ha visto esplodere la sua fama. Con Esof 2020, a Trieste succederà lo stesso. Già negli ultimi anni lo sviluppo turistico è stato impressionante”. Dipiazza ha inoltre ricordato il lavoro di sinergia tra Prefettura e Municipio, che ha portato all'accordo sui tir a Basovizza e Kozina.

"Lascio una città cambiata"

“Lascio una città cambiata – ha dichiarato Porzio -, cresciuta, se possibile più aperta. È stata un'esperienza emozionante, ho tentato di compenetrarmi con le situazioni che ho trovato e alcune cose purtroppo le lascerò incompiute. Vado via comunque nella convinzione di aver fatto ciò che potevo. Mi sarebbe piaciuto vedere tanti altri progetti conclusi ma li vedrò lo stesso, da spettatore”.

È stata citata anche la recente approvazione della delibera sul Porto Vecchio, e a questo proposito il prefetto ha sostenuto che “Forse la situazione che sta vivendo Trieste è unica in Italia. Mi piacerebbe portare il suo sindaco a Roma”.

"Sette giorni in rosa", il prefetto Porzio: "Trieste allineata a un percorso di difesa della donna" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento