Profughi via da Aquilinia, Polidori (Ln): «Soddisfatto da padre, ma senza "rivolta" dei cittadini sarebbero ancora lì»

«Tronfi e ipocriti proclami di prova di accoglienza e di ospitalità che riempiono la bocca del sindaco di Muggia»

«Vesto per l'ultima volta (spero) l'abito da papà sulla questione profughi ad Aquilinia, non potendo nascondere la soddisfazione e la ritrovata serenità per una scelta, come più volte ho affermato, scellerata. Ma ora rimetto i vestiti da politico, che non vuol dire marziano avulso dalle esigenze del territorio e dai diritti di cittadini, e dico che anche un bimbo della scuola elementare Loreti capirebbe che, se non ci fosse stata la fortissima presa di posizione da parte dei genitori e di tanti cittadini, probabilmente oggi non si assisterebbe ad alcuno sgombero! Mettere in piedi struttura ed organizzazione per poche settimane non avrebbe infatti avuto senso, se non in un'ottica di più lungo termine».

Paolo Polidori (Lega Nord), che per primo ha sollevato il problema dell'accoglienza dei profughi alla "Casa primavera" commenta la notizia del traferimento degli ospiti in altra sede resa nota dalla prima cittadina di Muggia Laura Marzi: «Ma ciò che scuote i sentimenti, a livello morale, sono i tronfi ed ipocriti proclami di prova di accoglienza e di ospitalità che riempiono la bocca del sindaco di Muggia, quasi avesse risolto i problemi della fame nel mondo! 
Ebbene, nulla si risolve, né con i 18 di Aquilinia, né con i 60 di Prosecco, né con i 1.000 di Trieste: oltre il Mediterraneo ce ne sono 3,5 miliardi, e continuare a tenere le porte aperte non risolve il problema di là, ma ne crea uno enorme di qua: la dissoluzione della nostra società, del nostro diritto a vivere da tranquilli cittadini. Tanto su Muggia incombe l'ormai prossima accoglienza diffusa, e presto i cittadini se ne accorgeranno...».

«Fare invece demagogia e ipocrisia forse sono condizioni sufficienti, per gli amici degli scafisti, a far tacere artificialmente le coscienze, dando l'illusione di aver fatto del bene... ma non è così! Alimentare l'invasione è di per sé criminale: nei confronti dei cittadini, ma anche nei confronti di chi viene attirato, senza futuro, dalla rete di Alfano &Co - attacca Polidori -. Oggi si risolve (?) Aquilinia: ma domani c'è Prosecco: ebbene, non temano i prefetti che requisiscono, i sindaci che accolgono, e tutti coloro che sguazzano in questo Mare Magnum di denaro (e di morti), che io, da politico ma prima ancora da cittadino, insieme a tantissima altra gente, faremo sentire la nostra voce, i nostri diritti e la nostra rabbia da sudditi esasperati, in qualunque posto, da Duino a Muggia, per affermare con forza la nostra voglia di sicurezza, per noi, per i nostri figli e per la nostra gente!».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • E adesso sti clandestini dove i li ga nascosti, soto qualche tapedo o al silos, pronti a spuntar fora quanto prma ? Cucù eccone qua !

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tamponamento in largo Barriera, scooterista all'ospedale (VIDEO)

  • Cronaca

    Piazza Unità blindata per "La sofferenza degli innocenti": 8500 spettatori da tutta Italia e paesi confinanti

  • Cronaca

    Ferriera: immensa nube grigia intorno alla zona industriale (FOTO E VIDEO)

  • Politica

    Giornata del rifugiato, Roberti diffida a utilizzare il logo del Comune

I più letti della settimana

  • Cosolini un anno dopo: «Sembrava mi cadesse addosso il mondo ma poi sono successe tante cose belle»

  • Generali, Cosolini: «Nuova preoccupazione tra i dipendenti: disdetto accordo sindacale del 2013»

  • "Spending review”, Silp: «Poliziotti a cracker e acqua»

  • Sicurezza, Forza Italia: «Il Ministero dell’Interno ha deciso di sospendere l'utilizzo dei militari lungo la fascia confinaria»

  • Direttiva Bolkestein, Piccin (FI): «La Giunta regionale snobba gli ambulanti»

  • Centri commerciali, Sergo (M5s): «Illegittimi i contratti che costringono i negozianti a licenziare i propri dipendenti prima di restituire il ramo d’azienda»

Torna su
TriestePrima è in caricamento