Accoglienza, Zilli (Ln): «Dopo gli hotel a 4 stelle, un milione di euro per ristrutturare alloggi per i richiedenti asilo»

«Tutti questi soldi dovevano essere investiti in politiche per la famiglia, per le giovani coppie o per migliorare le città»

«Dopo l'ospitalità gratuita in hotel a quattro stelle, ecco spuntare un milione di euro per ristrutturare gli alloggi da regalare ai sedicenti profughi in barba ai friulani. Serracchiani e compagni continuano a favorire l'invasione di immigrati irregolari piuttosto che investire sul futuro dei nostri giovani».
A dirlo è la consigliera Barbara Zilli (LN) che nel commentare il provvedimento varato dalla Giunta che assegna dei contributi per gli alloggi dei richiedenti asilo definisce l'iniziativa «meramente assistenziale» e considera tutto questo questo «profondamente irrispettoso nei confronti di chi lavora tutti i giorni per pagarsi un mutuo, chi con fatica e coraggio sceglie di costruire una famiglia, chi non può nemmeno godersi la pensione e i suoi risparmi perché una casa di proprietà pesa purtroppo come un macigno sulle tasse che sono costretti a pagare».

«Ci saremmo aspettati che tutti questi soldi - oltre un milione di euro - venissero investiti in politiche per la famiglia, per le giovani coppie, per migliorare le città e i paesi sistemando o creando, ad esempio, parchi gioco e spazi pubblici per i bambini. In Friuli Venezia Giulia oggi vale di più aprire le porte agli irregolari che lavorare per il futuro della propria comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento