Accoglienza, Zilli (Ln): «Dopo gli hotel a 4 stelle, un milione di euro per ristrutturare alloggi per i richiedenti asilo»

«Tutti questi soldi dovevano essere investiti in politiche per la famiglia, per le giovani coppie o per migliorare le città»

«Dopo l'ospitalità gratuita in hotel a quattro stelle, ecco spuntare un milione di euro per ristrutturare gli alloggi da regalare ai sedicenti profughi in barba ai friulani. Serracchiani e compagni continuano a favorire l'invasione di immigrati irregolari piuttosto che investire sul futuro dei nostri giovani».
A dirlo è la consigliera Barbara Zilli (LN) che nel commentare il provvedimento varato dalla Giunta che assegna dei contributi per gli alloggi dei richiedenti asilo definisce l'iniziativa «meramente assistenziale» e considera tutto questo questo «profondamente irrispettoso nei confronti di chi lavora tutti i giorni per pagarsi un mutuo, chi con fatica e coraggio sceglie di costruire una famiglia, chi non può nemmeno godersi la pensione e i suoi risparmi perché una casa di proprietà pesa purtroppo come un macigno sulle tasse che sono costretti a pagare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci saremmo aspettati che tutti questi soldi - oltre un milione di euro - venissero investiti in politiche per la famiglia, per le giovani coppie, per migliorare le città e i paesi sistemando o creando, ad esempio, parchi gioco e spazi pubblici per i bambini. In Friuli Venezia Giulia oggi vale di più aprire le porte agli irregolari che lavorare per il futuro della propria comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento