PSI: «Trieste città turistica abbandonata a se stessa, tra sporcizia e degrado»

È quanto afferma Gianfranco Orel, segretario della Federazione di Trieste del Partito Socialista Italiano: «Considerata la sporcizia, perchè Acegas e subconcessionari non vengono sanzionati per violazione delle norme contrattuali?»

«Trieste contava a metà dell'800 già più di centomila abitanti, e con le sue attività commerciali, le compagnie di assicurazione e di navigazione, era già allora una perla preziosa della mitteleuropa.Il suo pregevole patrimonio architettonico neoclassico e liberty inserito tra significativi resti romani, nonché i successivi risanamenti del centro con edifici tipici dell'architettura fascista, hanno dato alla città un fascino unico: un luogo da visitare nell'estremo nord del "Bel paese"».È quando afferma in una nota Gianfranco Orel, segratario della Federazione di Trieste del PSI

«Tanto che, a memoria, tutti i sindaci dell'ultimo cinquantennio - continua Orel - , Cosolini compreso, hanno fatto del turismo un "imperativo" per lo sviluppo della città; in verità con scarsi risultati rispetto il patrimonio esistente. Basta pensare alla decennale incuria del parco di Miramare e all'incompleta riviera barcolana, con una scogliera praticamente impraticabile se non per gli acrobati..I suoi pretenziosi baracconi di ristoro poi, senza servizi igienici decenti ed i sempre malandati "topolini" sono il simbolo di una zona mare a dir poco di basso rango; uno schiaffo estetico per i turisti, che, dopo aver percorso la bellissima strada costiera, si aspetterebbero alle porte della città di Svevo e Saba insediamenti a mare almeno dignitosi, per una città pretenziosa».

«Chiaramente - sottolinea il segretario della federazione triestina del PSI -  lo status attuale va bene ai triestini abitudinari, quelli della serie basta "Barcola e un scoio"; ma chi ha pensato per Trieste a una Montecarlo dell'alto Adriatico si ritrova ancora nel mondo fantastico dei sogni, pur dopo un "pourparler" di decenni..! Tutti sappiamo che per ovviare a tale stato delle cose sarebbero necessarie risorse ingenti; ci sono però anche delle opere minori (per esempio gettate di cemento tra uno scoglio e un altro come a Parenzo), che migliorerebbero, se non altro, l'usufruibilità e l'igienicità della riviera con costi sopportabili».

«Ma ciò  - spiega Orel - che è veramente triste, nonostante le reiterate proteste dei cittadini, è lo stato di abbandono (a parte piazza Unità d'Italia e piazza della Borsa) del centro storico città, quello che dovrebbe essere con i suoi musei il polo di attrazione per il turismo internazionale.. Mi riferisco principalmente allo stato di abbandono delle zone verdi e delle fontane, che tra l'altro non funzionano! Basta infatti soffermarsi nelle centralissime piazze Libertà, S. Antonio e Hortis..e spontanei sorgono i paragoni con Lubiana, Klagenfurt e Graz, che a confronto sembrano dei giardini paradisiaci! Tra l'altro queste città, ancora negli anni 80, erano state coinvolte dal comune di Trieste in un progetto turistico comune, denominato " la via degli Asburgo", sorto anche per bilanciare il potere attrattivo di Vienna e lasciato marcire negli archivi del municipio.Stando così le cose quale turismo pretendiamo di avere con questi biglietti da visita? Può bastare quello congressuale, quello saltuario crocieristico, o quello annuale della Barcolana e della Bavisela? Mi pare assai riduttivo.  Se si aggiunge poi la sporcizia delle strade, con migliaia di cicche lungo i marciapiedi (a cominciare dalle centralissime Largo Barriera, via Giacinto Gallina, piazza S.Giovanni, via xxx Ottobre, il canale, ecc. ecc.) si ha il quadro completo della situazione: una tristezza, altro che mitteleuropa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E pensare - conclude Orel - che il comune dà più di trenta milioni di euro all'Acegas (di cui è socio di maggioranza) per l'asporto dei rifiuti e per lo spazzamento, con un costo pro capite tra i più alti del nord-est! Mi domando, visti i risultati, perchè l'Acegas e i subconcessionari non vengono sanzionati per violazione delle norme contrattuali?  Come ultima soluzione, ma scherzosamente, c'è anche il fai da te: le squadre di volontari di quartiere. Per chi scopa meglio "spritz" finali a gogò e per tutti diplomi di partecipazione; potrebbe anche essere una nuova specialità sportiva da inserire nel pallio dei rioni. Ma l'amministrazione comunale è fatta da persone serie e troverà sicuramente soluzioni confacenti; le prossime elezioni amministrative sono in vista».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento