Regionali, Fraleoni Morgera (M5S): «Completeremo ciclovie regionali, no intersezioni pericolose con viabilità»

Il recente sondaggio Swg-Fiab rivela che in Fvg la mobilità è ancora troppo legata all'uso di automobili e scooter, ma un terzo della popolazione regionale utilizza (chi più e chi meno) la bicicletta

Nelle città del Friuli Venezia Giulia la mobilità è ancora troppo legata all'uso di automobili e scooter, ma da qualche anno la mentalità sta cambiando tra le persone. È quanto dimostra il recente sondaggio Swg-Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) su un campione di 1200 residenti maggiorenni: la promozione della ciclabilità si sta infatti facendo largo tra chi vive in Regione. Più della metà della popolazione vede di buon occhio la scelta delle “due ruote a pedali”: il cambiamento culturale è quindi già iniziato.

Purtroppo però, secondo i risultati della ricerca, la mobilità del Friuli Venezia Giulia è «lontana dai migliori standard europei con il 77% delle persone che usano auto e scooter. Solo il 9% usa i mezzi pubblici e l'8% si reca al lavoro a piedi». Chi usa la bici regolarmente per andare al lavoro raggiunge il 6% (58 mila residenti), un dato più alto della media italiana ma molto più basso di quello di alcuni stati che toccano il 20%. Altrove, come a Copenaghen e Groningen, le due ruote superano addirittura le automobili.

L'indagine realizzata mette anche in luce un altro 16% del campione che usa la bici “qualche vota al mese” e un 11% solo per le gite. Il dato finale è che 1/3 della popolazione del Friuli Venezia Giulia utilizza (chi più e chi meno) la bicicletta. C'è pure un 21% di cittadini che salirebbero sulla bicicletta se venissero realizzate altre piste ciclabili. «È per questo - spiega il candidato del M5S alla presidenza della Regione Alessandro Fraleoni Morgera - che puntiamo a eliminare in Regione tutte le intersezioni pericolose con la viabilità e al completamento delle ciclovie regionali. Il passo successivo lo faranno poi le previste attività di 'bike sharing' e 'car pooling'. Prevediamo spostamenti guidati in bicicletta o a piedi per gli alunni di scuole dove questo sia fattibile in assoluta sicurezza. Gli strumenti di pianificazione regionale saranno soggetti a un obbligo di realizzazione di parcheggi di scambio intermodale tra i mezzi di trasporto privati e quelli pubblici. Ciò diminuirà la presenza spesso eccessiva di parcheggi auto nei centri cittadini e libererà spazi e nuove possibilità per il traffico lento e rispettoso dell'ambiente».

«Il programma del MoVimento 5 Stelle - continua Fraleoni Morgera - prevede anche che vengano stabilite delle quote minime obbligatorie per l'acquisto di mezzi di trasporto non inquinanti (veicoli elettrici/ibridi, biciclette) per tutti gli enti pubblici, inclusi i mezzi pubblici. Il MoVimento 5 Stelle rilancerà il cicloturismo anche nelle zone montane: nessun area va lasciata fuori dal progetto. Mobilità e sviluppo sostenibile per tutti significano salute e benessere ma anche spesso e volentieri risparmio di tempo e denaro, meno traffico e inquinamento, città più belle e a misura d'uomo. Il futuro non è così lontano e già oggi - conclude - possiamo iniziare a realizzarlo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento