Sanità, Tondo: «Finiti i tempi in cui chi arriva azzera quello fatto dai predecessori»

«Spero che troveremo una formula per lavorare bene perchè c'è bisogno di persone impegnate che amministrino e seguano i problemi»

«Sono contento che siamo riusciti ad essere tutti uniti perchè come detto in precedenza, paventavo il pericolo che mentre il centrosinistra con i suoi errori ci sta offrendo la Regione su un piatto d'argento, noi con i nostri errori le nostre indecisioni lo avremmo restituito al centrosinistra su un piatto d'oro», così ha dichiarato il candidato del centrodestra Renzo Tondo nel suo intervento a Ring in onda su Telequattro.
«Non sono più i tempi - continua - in cui chi arriva azzera tutto quello che hanno fatto i precedenti. Chi arriva deve fermare le cose che non vanno e salvare quelle che funzionano», parole che di certo hanno creato o creeranno qualche malumore nella coalizione i cui gruppi hanno da sempre aspramente criticato la riforma sanitaria Serrachiani-Telesca.

«Credo - prosegue il candidato del centrodestra - che avrò la serenità, la maturità e la competenza ma soprattutto l'aiuto della comunità. Il limite del governo Serracchiani è stato quello di dare un senso di arroganza. Importante invece trovare un dialogo con la comunità sapendo che non si potrà accontentare tutti».
«Devo molto alla Lega - conclude Tondo -, oltre a Forza Italia, che ha portato i voti. Spero che troveremo una formula per lavorare bene perchè c'è bisogno di persone impegnate che amministrino e seguano i problemi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento