Sanità, Riccardi (FI): «Riforma disastrosa, risorse insufficienti»

«Svuotati di risorse gli ospedali senza attrezzare adeguatamente le strutture territoriali e senza informare adeguatamente la cittadinanza circa i nuovi referenti territoriali da contattare in caso di malore»

«I fatti si incaricano puntualmente di smentire i toni trionfalistici con cui la presidente Serracchiani e l'assessore Telesca provano a vendere la disastrosa riforma con cui hanno distrutto la sanità regionale. L'altro giorno l'episodio di Maniago, ieri quello di Passons. E purtroppo sono casi tutt'altro che isolati».
Lo dichiara in capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Riccardo Riccardi.
«Ma la conferma del fallimento - prosegue il capogruppo -, oltre che nei fatti, sta nelle gravissime parole del direttore della centrale unica del 118 Vittorio Antonaglia, che dice che le risorse non sono sufficienti per dare risposte a tutti.
Affermazione che descrive bene una scenario indegno di un Paese civile e soprattutto di una Regione che è sempre stata all'avanguardia in ambito sanitario come il Friuli Venezia Giulia».

«Distinguere i casi gravi da quelli meno gravi - aggiunge - è una logica tanto ovvia quanto urgente da gestire nell'ambito della garanzia dell'erogazione del servizio in tempi decenti. Non è ammissibile che la colpa sia attribuita ad un paziente che, sentendosi male, si rivolge come ha sempre fatto all'ospedale».
«Il vero problema - precisa Riccardi - sta in una riforma sanitaria che ha svuotato di risorse gli ospedali senza attrezzare adeguatamente le strutture territoriali e soprattutto senza fornire un'informazione adeguata e capillare alla cittadinanza circa i nuovi referenti territoriali da contattare in caso di malore. Purtroppo la logica che emerge è questa: se il paziente si rivolge all'ospedale invece che al territorio, si arrangi e aspetti. E i fatti dimostrano che il vero fallimento sta negli accessi, dalla medicina di base agli esami specialistici al Pronto Soccorso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Noi non ci rassegniamo - insiste l'esponente di Forza Italia - alla bandiera bianca e non accettiamo la fanfara mediatica sui tronfi di una riforma che ha devastato la nostra sanità. Se il sistema non è ancora collassato su se stesso è solo grazie alla professionalità, alla dedizione e alla passione di medici e infermieri che quotidianamente cercano di garantire il diritto sacrosanto all'assistenza sanitaria nonostante una riforma che ha messo in ginocchio l'intero settore», conclude Riccardo Riccardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

Torna su
TriestePrima è in caricamento