Sanità, Riccardi (FI): «Riforma disastrosa, risorse insufficienti»

«Svuotati di risorse gli ospedali senza attrezzare adeguatamente le strutture territoriali e senza informare adeguatamente la cittadinanza circa i nuovi referenti territoriali da contattare in caso di malore»

«I fatti si incaricano puntualmente di smentire i toni trionfalistici con cui la presidente Serracchiani e l'assessore Telesca provano a vendere la disastrosa riforma con cui hanno distrutto la sanità regionale. L'altro giorno l'episodio di Maniago, ieri quello di Passons. E purtroppo sono casi tutt'altro che isolati».
Lo dichiara in capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Riccardo Riccardi.
«Ma la conferma del fallimento - prosegue il capogruppo -, oltre che nei fatti, sta nelle gravissime parole del direttore della centrale unica del 118 Vittorio Antonaglia, che dice che le risorse non sono sufficienti per dare risposte a tutti.
Affermazione che descrive bene una scenario indegno di un Paese civile e soprattutto di una Regione che è sempre stata all'avanguardia in ambito sanitario come il Friuli Venezia Giulia».

«Distinguere i casi gravi da quelli meno gravi - aggiunge - è una logica tanto ovvia quanto urgente da gestire nell'ambito della garanzia dell'erogazione del servizio in tempi decenti. Non è ammissibile che la colpa sia attribuita ad un paziente che, sentendosi male, si rivolge come ha sempre fatto all'ospedale».
«Il vero problema - precisa Riccardi - sta in una riforma sanitaria che ha svuotato di risorse gli ospedali senza attrezzare adeguatamente le strutture territoriali e soprattutto senza fornire un'informazione adeguata e capillare alla cittadinanza circa i nuovi referenti territoriali da contattare in caso di malore. Purtroppo la logica che emerge è questa: se il paziente si rivolge all'ospedale invece che al territorio, si arrangi e aspetti. E i fatti dimostrano che il vero fallimento sta negli accessi, dalla medicina di base agli esami specialistici al Pronto Soccorso».

«Noi non ci rassegniamo - insiste l'esponente di Forza Italia - alla bandiera bianca e non accettiamo la fanfara mediatica sui tronfi di una riforma che ha devastato la nostra sanità. Se il sistema non è ancora collassato su se stesso è solo grazie alla professionalità, alla dedizione e alla passione di medici e infermieri che quotidianamente cercano di garantire il diritto sacrosanto all'assistenza sanitaria nonostante una riforma che ha messo in ginocchio l'intero settore», conclude Riccardo Riccardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento