Roberti-Russo al vetriolo sulla Tripcovich: "Frasi gravissime". La replica: "Non avete argomenti"

Duro botta e risposta tra l'assessore regionale del Carroccio e l'ex senatore dopo la telefonata al ministro Franceschini. "Frasi offensive, sogna di fare il sindaco senza riuscirci". Ironico Russo: "La mia colpa è terribile: ho parlato per facilitare un dialogo"

"Un consigliere regionale mandato all’opposizione, che sogna di fare il sindaco da anni senza riuscirci, e un ministro di un governo nato dalle forze sconfitte alle elezioni si sentono al telefono per discutere di cosa fare a Trieste e se abbattere o meno (e a quali condizioni) un bene di proprietà del Comune: non fossimo davanti ad un palese conflitto istituzionale portato avanti da compagni di partito che si arrogano il diritto di decidere sulle spalle dei triestini, verrebbe da ridere". Le parole arrivano dall'assessore regionale della Lega Pierpaolo Roberti che "attacca" il consigliere regionale del Pd ed ex senatore Francesco Russo in merito al colloquio telefonico del dem con il ministro Dario Franceschini sul futuro della sala Tripcovich. 

Il post di Russo

Russo aveva infatti pubblicato un post su Facebook affermando di aver sentito Franceschini e di aver ottenuto la ripresa del dialogo con il Comune - bruscamente interrotto dopo il "caso" della lettera da Roma - a patto che per l'ex stazione della corriere, poi trasformata in una sala teatrale, ci sia un "progetto serio". Iniziativa, quella della telefonata che ha messo in moto l'ambiente leghista che attraverso la nota dell'ex vicesindaco di Trieste, non le ha mandate a dire a Russo. 

Russo chiama Franceschini: "Riaperto dialogo con il Comune"

L'affondo di Roberti

"Frasi gravissime ed offensive sulle quali spero che anche i consiglieri comunali del Pd (gli unici, semmai, titolati a disquisire di sale, alternative e progetti) mettano freno ad un signore che ormai sembra essere convinto che per governare una città, piuttosto che il Paese, le elezioni siano qualcosa di superfluo". Dopo la raffica del Carroccio ecco che questa mattina è arrivata la pronta replica del dem che ironizza sulle responsabilità del gesto. "In effetti la mia colpa è terribile: ho parlato con il Ministro Franceschini per facilitare, sulla Sala Tripcovich, un dialogo costruttivo tra il Comune e il Ministero". 

La replica di Russo

Russo, che già ieri aveva sottolineato l'asse costruttivo con il sindaco Roberto Dipiazza rendendo noti i ringraziamenti del primo cittadino, evidenzia che "non solo mi ha ringraziato ma ha organizzato per il pomeriggio un incontro con il Direttore dei Lavori Pubblici nel quale abbiamo cercato di capire se ci sono elementi che possano convincere Roma che la demolizione potrebbe essere utile a valorizzare l’area". 

"La Lega non lo sapeva perché seguono poco i dossier"

"Tutto questo evidentemente la Lega non lo sapeva: a dimostrazione di quanto poco seguano i dossier che pure il Sindaco considera strategici" così ancora il dem. La diversità di vedute tra Russo e Dipiazza sembra però non fermare il dialogo tra i due. "Dipiazza ed io abbiamo certamente idee diverse ma questo non ci impedisce di collaborare su alcuni temi che credo siano importanti per il futuro della città" ha ribadito il vicepresidente del Consiglio regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pensano solo a fare polemiche"

Infine la stoccata al Carroccio. "La Lega e Roberti, invece, giocano un’altra partita. Pensano solo a fare polemiche perché non hanno altri argomenti: devono nascondere il poco o niente che in Regione e Comune hanno fatto negli ultimi anni. La Sala Tripcovich è solo una degli esempi: al Governo fino ad agosto 2018 c’erano loro. E non hanno fatto niente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Il virus in Fvg non si ferma: 114 nuovi positivi e sette decessi nelle ultime 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento