Salute, Telesca: «Primato donazione di sangue in Fvg»

«Questo successo è anche il risultato della fiducia nelle istituzioni»

«Il Friuli Venezia Giulia continua ad avere uno straordinario primato a livello nazionale nella donazione del sangue. Un primato di generosità per il quale dobbiamo essere sempre riconoscenti ai tantissimi donatori, ai quali va un doveroso ringraziamento perché ci consentono di rispondere efficacemente al fabbisogno regionale e, anzi, di contribuire alle necessità del resto d'Italia».

Lo ha affermato l'assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, in occasione del 14 giugno, giornata mondiale del donatore, sottolineando nel contempo anche la soddisfazione in quanto «il Friuli Venezia Giulia può vantare un analogo primato anche in tema di donazione di organi, a dimostrazione della grande sensibilità dei nostri concittadini su un tema di così ampia rilevanza sociale, che tocca emozioni, sentimenti e affetti».

Secondo Telesca «questa generosità, oltre a rappresentare il senso di appartenenza ad una comunità solidale, è anche il risultato della fiducia nelle istituzioni, e dunque della capacità del sistema sanitario regionale e delle sue eccellenze di utilizzare con efficienza quanto viene donato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui «il costante impegno dell'Amministrazione regionale e degli enti del servizio sanitario per continuare a migliorare l'organizzazione dei servizi per la salute, proprio per garantire un ottimale uso del sangue, dei suoi derivati e degli organi. Tuttavia - conclude Telesca - non dobbiamo accontentarci dei risultati raggiunti e non dobbiamo mai abbassare la guardia. Per questo stiamo costantemente lavorando, assieme alle associazioni di volontariato, per intensificare l'informazione, soprattutto tra i giovani che, per quanto riguarda il sangue, sono meno propensi alla donazione. Uno sforzo che va fatto in particolare a Trieste, dove abbiamo registrato un calo delle donazioni. E' dunque sul capoluogo regionale che intendiamo moltiplicare l'impegno per superare l'attuale criticità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

Torna su
TriestePrima è in caricamento