Tagli fondi periferie, Salvati (Pd): "Scoraggiante passo indietro"

"Per Trieste, quei 18 milioni rappresentano una serie di interventi in uno dei quartieri più popolosi della città, con circa 600 famiglie, che porterebbe un beneficio diretto a circa 8.000 persone"

"Se alcuni mesi fa potevamo annunciare con orgoglio e soddisfazione lo stanziamento di 18 milioni di euro per la città di Trieste a favore di interventi di riqualificazione nell’area di Rozzol-Melara, adesso siamo costretti ad assistere ad un blocco di quei finanziamenti che erano stati assegnati durante il precedente Governo Renzi attraverso il “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie”. Il congelamento dei fondi, deciso dall’attuale Governo, non rappresenta solo uno scoraggiante passo indietro ma anche un ulteriore motivo di delusione e disaffezione dei cittadini nei confronti di quella politica che promette e spesso non mantiene". Lo afferma Luca Salvati, Capogruppo della  VI Circoscrizione del Partito Democratico, dopo che l'Associazione nazionale dei Comuni italiani ha interrotto le relazioni con il Governo, causa il mancato ripristino dei fondi per le periferie.

Beneficio diretto a circa 8.000 persone

In cammino dal centro a Melara, l'iniziativa per le periferie

"Per Trieste, - continua il Capogruppo- quei 18 milioni rappresentano una serie di interventi in uno dei quartieri più popolosi della città, con circa 600 famiglie, che porterebbe un beneficio diretto a circa 8.000 persone, tra residenti ed utilizzatori indiretti dei servizi, nonché un giovamento per tutta la popolazione triestina. Il Progetto Melara rappresenta un’azione politica trasversale nonché un valido esempio di collaborazione tra forze politiche differenti in vista di un obiettivo comune. Infatti, se all'Amministrazione Cosolini va dato atto di aver predisposto il progetto, all'Amministrazione Dipiazza va riconosciuto di averci creduto e di averlo portato avanti. Aver partecipato, nel mio piccolo, alla promozione di questa iniziativa, mi ha reso orgoglioso e soddisfatto per il risultato raggiunto a favore del quartiere dove sono nato e cresciuto. Espressi, a suo tempo, le mie congratulazioni ad entrambi gli schieramenti politici che avevano permesso di raggiungere questo importante risultato per Trieste".

Malumori e dissensi: la decizione scontenta tutti

"Oggi, - aggiunge Salvati- assisto con sconcerto al congelamento di quei fondi, i cui 18 milioni per Trieste sono solo una parte del finanziamento che interessa diverse altre città italiane nonché gli altri capoluoghi della nostra regione, a cui spetterebbero in totale 72 milioni di euro. Questa inaspettata quanto inspiegabile decisione scontenta tutti".

"Diversi sono stati i malumori e le espressioni di dissenso espresse dai sindaci interessati, anche appartenenti a partiti di centrodestra. Il mancato rispetto degli impegni presi dal Governo Conte in merito allo sblocco dei fondi per le periferie, pari a circa un 1,6 miliardi di euro, ha portato l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ad interrompere tutti i rapporti istituzionali con il Governo in attesa che quei soldi vengano assegnati ai beneficiari dei progetti. Come affermato anche dal Presidente dell’ANCI regionale, Mario Pezzetta, la situazione è estremamente preoccupante perché impedisce non solo l’esecuzione delle opere già cantierabili ma blocca anche la possibilità di attingere ad investimenti privati che si attivano solo in presenza di un intervento pubblico. Spero che il Governo Conte riveda le sue posizioni e lo faccia secondo gli impegni presi".

Ennesimo caso di promesse non mantenute

"Da persona impegnata politicamente, ma soprattutto da cittadino e triestino, non vorrei dover assistere all’ennesimo caso di promesse non mantenute che, oltre all’incalcolabile danno economico, produrrebbe un altrettanto incalcolabile danno d’immagine a tutta la politica nel suo insieme ed alle istituzioni. E tutto ciò sempre sulla pelle dei cittadini" conclude Salvati.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

  • Arredamento, le tendenze più in voga del 2019

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Annegamento al Molo G di Barcola: giovane in condizioni critiche

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Annegato a Barcola, il cuore del ragazzo batte ancora

  • Sara Gama insultata su Facebook: "Per me non è italiana"

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

Torna su
TriestePrima è in caricamento