Salvini: "+49 poliziotti a Trieste, ora dimezzeremo i richiedenti asilo"

"Le domande di asilo politico pendenti erano 135mila e oggi sono 60mila. Vogliamo mantenere questo trend virtuoso. Massima attenzione anche alle due navi in arrivo dal Mediterraneo”

Foto: Giovanni Aiello

“Entro il prossimo aprile arriveranno 37 nuovi poliziotti a Trieste e 12 sono già arrivati: in tutto 49 dallo scorso ottobre all'aprile del 2020" sono alcuni dati sul potenziamento alle forze dell'ordine diffusi dal Ministro dell'Interno Matteo Salvini durante la firma in Prefettura dei protocolli per la legalità e il rimpatrio volontario. "Nella stagione estiva - ha continuato Salvini -, è previsto un ulteriore potenziamento tramite le pattuglie miste tra Slovenia e Croazia. Proprio oggi sono stati bloccati 16 ingressi, e 15 verranno riammessi in territorio sloveno”.

"Dimezzare i richiedenti asilo"

"Un altro nostro obiettivo – ha ancora spiegato il vicepremier – è quello di dimezzare la presenza di richiedenti asilo e immigrati nel Friuli Venezia Giulia, già diminuiti di un migliaio rispetto all'anno scorso. L'anno scorso in FVG c'erano 180mila persone in carico all'accoglienza, oggi 108mila. Inoltre le domande di asilo politico pendenti erano 135mila e oggi sono 60mila. Vogliamo mantenere questo trend virtuoso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenze e "prese in giro"

Per quanto riguarda gli arrivi via mare, il Ministro dell'Interno ha poi reso noto che “al momento ci sono due imbarcazioni che navigano nel Mediterraneo, e a questo proposito ho appena scritto al collega tedesco Seehofer, perché una di queste batte bandiera tedesca e vorrei sapere quale porto tedesco verrà messo a disposizione per l'attracco. Riguardo all'altra nave, italiana, ringrazio il collega maltese che ha messo a disposizione il porto di La Valletta. Noi, invece, ci siamo fatti carico di eventuali criticità mediche quali donne incinte e neonati, perché se le emergenze vere meritano un intervento urgente le prese in giro meritano un altro tipo di atteggiamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

Torna su
TriestePrima è in caricamento