Sanità, Ussai (M5S): "Preoccupazione per la scelta dei commissari"

Auspicavamo un cambiamento nei criteri di scelta dei manager, per privilegiare il valore professionale e quello tecnico. Invece si continua con la vecchia politica dei posti agli amici

"La scelta dei nuovi commissari deve privilegiare il valore professionale e quello tecnico, e non i meccanismi della vecchia politica". Questo il commento del capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale, Andrea Ussai, alle indiscrezioni sulle nomine dei commissari delle nuove Aziende del Servizio sanitario regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La preoccupazione

"Siamo molto preoccupati - fa sapere Ussai - perché auspicavamo un cambiamento anche nei criteri di scelta dei manager della sanità, per privilegiare il valore professionale e quello tecnico. Invece si continua con i meccanismi della vecchia politica (posti agli amici) che non porteranno niente di buono al sistema Salute della Regione. Speriamo - conclude il pentastellato - che il presidente Fedriga ascolti il nostro appello e scelga professionisti di alto profilo, perché saranno decisivi per l'efficacia o meno della riforma sanitaria appena varata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento