«Rapine, risse, pestaggi, spaccio di stupefacenti», il Sap chiede di passare «dalle parole ai fatti»

Il sindacato autonomo di Polizia con il suo segretario provinciale Lorenzo Tamaro: «Servono finanziamenti importanti per assumere personale nuovo e giovane, per fornirlo di mezzi e dotazioni adeguate, istruirlo ed addestrarlo in modo da renderlo moderno e al passo con i tempi»

«Rapine, risse, pestaggi, spaccio di stupefacenti, questi alcuni dei fatti di cronaca degli ultimi giorni nel capoluogo giuliano. Ma anche la strage di Istanbul e lo scoppio a Firenze di un ordigno che ha così gravemente e irrimediabilmente ferito il collega artificiere, al quale va tutto il sostegno del Sap di Trieste, impongono necessariamente una particolare attenzione sulla questione sicurezza in Italia e a Trieste». Lorenzo Tamaro, segretario provinciale del Sindacato autonomo di Polizia ribadisce che «la posizione del Sap a riguardo è ormai nota. La novità di questi giorni è costituita dalle dichiarazioni di alcuni soggetti politici, in particolare la segretaria regionale del Pd Antonella Grim e la presidente della Regione Ffvg Debora Serracchiani, in controtendenza con le posizioni da loro espresse in passato ed oggi così vicine a quelle linee che da tempo il Sap esprime sulla “sicurezza”».

«È giunto il momento che queste figure di rilievo politico a livello locale e nazionale siano portavoce influenti all’interno del Governo sostenuto dal loro partito, affinché si “faccia sicurezza” per davvero e non solamente si “parli di sicurezza” - continua Tamaro -. Servono finanziamenti importanti, da sostenere magari fuori dalla legge di stabilità, per assumere personale nuovo e giovane, per fornirlo di mezzi e dotazioni adeguate, istruirlo e addestrarlo in modo da renderlo moderno e al passo con i tempi. Servono inoltre “regole” chiare e applicabili affinché che anche, ad esempio, i “rimpatri” tanto enunciati in questi giorni possano essere veramente possibili».

«“Per esserci sempre” - conclude il segretario provincale - serve avere gli strumenti per farlo, il Sap è da tempo e continuerà a essere in campo, a disposizione di tutti, per cambiare un sistema sicurezza che oggi non soddisfa la richiesta del cittadino e le professionalità, peraltro dimostrate, degli operatori di polizia bistrattati anche sul piano stipendiale».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Servono sanzioni severe, prima di tutto.

  • "Siano portavoci influenti all'interno del governo..." ma portavoci de cosa? Dell'arte del trasformismo? Poveri disgraziai quei che ancora credi alle dichiarazioni de grim e serracchiani...i ga voludo e creado sta situazion e adeso i se fa paladini della sicurezza...se ghe credè voi...so benissimo che "frasi dovute" ma bisognasi esser più duri con persone come ste due falsone.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tamponamento in largo Barriera, scooterista all'ospedale (VIDEO)

  • Cronaca

    Piazza Unità blindata per "La sofferenza degli innocenti": 8500 spettatori da tutta Italia e paesi confinanti

  • Cronaca

    Ferriera: immensa nube grigia intorno alla zona industriale (FOTO E VIDEO)

  • Politica

    Giornata del rifugiato, Roberti diffida a utilizzare il logo del Comune

I più letti della settimana

  • Cosolini un anno dopo: «Sembrava mi cadesse addosso il mondo ma poi sono successe tante cose belle»

  • Generali, Cosolini: «Nuova preoccupazione tra i dipendenti: disdetto accordo sindacale del 2013»

  • "Spending review”, Silp: «Poliziotti a cracker e acqua»

  • Sicurezza, Forza Italia: «Il Ministero dell’Interno ha deciso di sospendere l'utilizzo dei militari lungo la fascia confinaria»

  • Direttiva Bolkestein, Piccin (FI): «La Giunta regionale snobba gli ambulanti»

  • Centri commerciali, Sergo (M5s): «Illegittimi i contratti che costringono i negozianti a licenziare i propri dipendenti prima di restituire il ramo d’azienda»

Torna su
TriestePrima è in caricamento