Ferriera, Scoccimarro: "Regione protagonista nel coordinamento delle fasi di sviluppo"

"Nei mesi di lavoro oscuro, ho avuto modo di incontrare il cavaliere Arvedi che ha preso atto della volontà della Regione di perseguire un nuovo percorso di sviluppo dell’area della cockeria e altoforno individuando evidentemente nell’Autorità portuale il soggetto che possa fungere da braccio operativo"

"Caro Ussai e cari 5stelle che andate cercando un po’ di visibilità per un partito in caduta libera, abbiate l'onesta intellettuale di fotografare la situazione. Chi chiuderà l’area a caldo della Ferriera sarà Giovanni Arvedi se troverà un accordo con la Regione. Ovviamente la partita vedrà tutti impegnati dai ministeri romani al Porto di Trieste". Così l'assessore Scoccimarro replicando alle affermazioni del consigliere regionale Ussai (M5S) sulla questione Ferriera.

"Una premessa doverosa - continua - per chiarire la questione ai cittadini e politici, più o meno esperti di giurisprudenza (perché ricordo che siamo in uno Stato di diritto dove le concessioni vengono affidate su linee politiche, ma poi revocarle – il caso M5S – Autostrade docet – non è così semplice)".

"Come noto - aggiunge l'assessore - la linea politica del governo regionale è cambiata nel maggio 2018 quando il presidente Fedriga mi ha affidato la delega all’Ambiente, quindi la competenza sulla questione Ferriera. Nei mesi di lavoro oscuro, ho avuto modo di incontrare il cavaliere Arvedi che ha preso atto della volontà della Regione di perseguire un nuovo percorso di sviluppo dell’area della cockeria e altoforno individuando evidentemente nell’Autorità portuale il soggetto che possa fungere da braccio operativo (perché no, anche grazie a eventuali investimenti regionali come per l’area di Monfalcone)".

"Una soluzione che risolverebbe solo una delle richieste di Arvedi cui ho prospettato l’idea nel corso di alcuni incontri avuti in via riservata anche con i rispettivi staff e poi illustrata al presidente D’Agostino: questa opzione permetterebbe di chiedere al Ministero dell’Ambiente fondi per la bonifica dell’area poiché la proprietà sarebbe pubblica e non più privata. Più che un semplice dettaglio, perché questo renderebbe anche più appetibile l’arrivo degli investitori interessati allo sviluppo logistico “ripulita” e pronta all’uso".

"Altro che spettatrice, la Regione è l’ente protagonista, che si assume l’importante compito di coordinare le varie fasi dello sviluppo futuro dell’area mettendo attorno al tavolo nuovamente i sottoscrittori dell’accordo di programma 2014, dall’acquisto alla bonifica, con l’obiettivo di tutelare ambiente, salute e lavoro" conclude Scoccimarro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento