Serracchiani: "A Trieste allarme mafia e riciclaggio, ma la Lega tace"

"L'assessore leghista alla cosiddetta sicurezza è troppo impegnato a inseguire barboni o migranti per vedere il flusso di denaro sporco che scorre davanti a Palazzo Cheba, e purtroppo anche il sindaco non apre bocca e fa lo splendido con il suo momento magico"

Foto: Facebook

"A Trieste è allarme mafia ma la Lega tace. L'assessore leghista alla cosiddetta sicurezza è troppo impegnato a inseguire barboni o migranti per vedere il flusso di denaro sporco che scorre davanti a Palazzo Cheba, e purtroppo anche il sindaco non apre bocca e fa lo splendido con il suo momento magico. Le Istituzioni cittadine devono invece prendere l'iniziativa, prima che il riciclaggio e le infiltrazioni diventino vera e propria presa di possesso del territorio". Lo dichiara la deputata dem Debora Serracchiani all'indomani delle notizie sulle infiltrazioni mafiose diffuse nella relazione della DIA al Parlamento, commentando i dati, in aumento del 20% nel 2019 in provincia di Trieste, delle segnalazioni di operazioni sospette all'Unità di informazione finanziaria per Italia (Uif).

"Trieste tra le capitali del riciclaggio"

"Trovare Trieste tra le capitali del riciclaggio - osserva la parlamentare - non deve stupire perché sono proprio i territori ritenuti più tranquilli quelli più appetibili dalla 'finanza' della criminalità organizzata. Ma sono anni che apparati giudiziari e di sicurezza denunciano l'aumento continuo degli insediamenti mafiosi: perché sia chiaro che subito dietro il denaro sporco ci sono veri criminali. E spero nessuno pensi che quel denaro possa aiutare la nostra economia, perché in realtà la soffoca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Serracchiani "il sindaco dovrebbe chiedere al prefetto di convocare un Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, mettendo a tema proprio il rischio criminalità organizzata. Da parte mia, non cesserò di chiedere con molta energia che il personale della procura di Trieste, e di tutta la regione, non vengano lasciate sotto organico. Un altro tema da affrontare rapidamente è quello della carenza di personale sia della sezione della Dia di Trieste che del Ros, che ha peraltro sede a Padova". "Purtroppo stiamo diventando sempre meno periferici per il crimine organizzato e - conclude Serracchiani - non si può continuare a inseguire false emergenze ed evitare di affrontare quelle vere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

Torna su
TriestePrima è in caricamento