Sicurezza, Piccin (Fi) «Rimpatri forzati, dalle parole, la presidente Serracchiani deve passare ai fatti»

La consigliera regionale Mara Piccin commentando la lettera di Debora Serracchiani al ministro dell'Interno, Marco Minniti, sulla sicurezza in Fvg

Foto di repertorio

«Dalle parole, la presidente deve passare ai fatti». Così Mara Piccin, consigliera regionale di Forza Italia, commenta la lettera di Debora Serracchiani al ministro dell'Interno, Marco Minniti, per chiedere un consolidamento strutturato delle forze dell'ordine presenti sul territorio e di verificare la possibilità di rimpatri forzati per chi delinque.

«La Serracchiani - scrive la consigliera azzurra in una nota -, in quanto presidente di una delle Regioni che più sente la presenza di migranti, dovrà portare il dibattito in Consiglio regionale e affrontare con i fatti questo problema che si è acuito negli ultimi due anni».

La consigliera forzista annuncia la presentazione di una mozione: «In questi giorni, con i colleghi del gruppo, sto predisponendo una mozione che sia condivisa anche dalla maggioranza per un
pressing nei confronti del Governo Gentiloni a respingere i coloro i quali delinquono nel Paese che li ospita».

Conclude la Piccin: «Lungi da me ogni speculazione sugli episodi di terrorismo che causano morte e sofferenza, ma è evidente che politiche immigratorie più restrittive a livello nazionale potrebbero dare maggiori risposte sul fronte della pubblica sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

Torna su
TriestePrima è in caricamento