Sparatoria a Macerata, Serracchiani: «Lega brodo di coltura per fanatici e violenti»

La presidente a Fedriga: «Quando uno dei tuoi commette violenza c'è solo un giudizio ammesso, la condanna senza equivoci. Questo partito invece ha scelto l'ambiguita' e il giustificazionismo»

Debora Serracchiani (foto di repertorio)

«Le viscide parole di Fedriga dimostrano che la Lega è brodo di coltura per fanatici e violenti». Lo afferma Debora Serracchiani, componente della segreteria nazionale Pd, replicando a un attacco del capogruppo della Lega alla Camera Massimiliano Fedriga, il quale in un'intervista al Corriere della Sera ha ipotizzato che l'esponente dem si dovesse dissociare dall'assassino di Pamela Mastropietro.

«A Fedriga potrei dire che l'immigrato non era iscritto al mio partito mentre - puntualizza Serracchiani - lo sparatore di Macerata era un leghista doc, e che le sue tortuose affermazioni mirano a creare una confusione non solo politica ma anche morale, in cui tutto è grigio e quindi alla fine accettabile».

«Quando uno dei tuoi commette violenza c'e' solo un giudizio ammesso, la condanna senza equivoci. La Lega invece - conclude Serracchiani - ha scelto l'ambiguita' e il giustificazionismo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento