Giunta Serracchiani, Tondo (Ar): «Capolavoro di questi cinque anni apprezzato solo dalla presidente»

«Serracchiani ha fatto anche cose buone, ma sulla tutela della specialità, sul lavoro e sulla politica per la famiglia, natalità e maternità è stata clamorosamente assente»

«Cinque anni di successi strepitosi. Bonus da 200 euro al mese per i figli fino a 18 anni. Infrastrutture all’avanguardia. Zero problemi sociali. Una specialità blindata, addirittura potenziata. Praticamente, il Friuli Venezia Giulia di Debora Serracchiani è il paradiso terrestre. Eppure, nessuno, lei esclusa, riesce ad apprezzare questo capolavoro politico: dev’essere frustrante essere geni incompresi».
Così Renzo Tondo, presidente di Autonomia Responsabile in Consiglio regionale, esprime «sincera ammirazione per l’incrollabile, seppur inspiegabile razionalmente, autostima di Debora Serracchiani. Puntualizzo: governare non è facile, soprattutto da dieci anni a questa parte. Detto questo, bisognerebbe avere l’accortezza di tenere un profilo più basso. La presidente uscente ha fatto anche cose buone, ma sulla tutela della specialità, sul lavoro e sulla politica per la famiglia, natalità e maternità è stata clamorosamente assente».

«Proporre un patto sociale per garantire un bonus anti denatalità, in questa fase, è quantomeno tardivo: perché un tema taciuto e negato per cinque anni, diventa improvvisamente una priorità? Rilancio: creiamo un fondo per tagliare le tasse alle famiglie con figli, e lasciamo direttamente le risorse nelle tasche dei genitori, anziché inventarci altri bonus, che spesso diventano inaccessibili a causa della burocrazia o di requisiti che tagliano fuori i nostri corregionali per favorire gli immigrati. Purtroppo, la sensazione è che una generazione di politici di area Pd abbia qualche problema irrisolto con forme più o meno latenti di delirio di onnipotenza: da Serracchiani a Boschi, rischiamo di assistere a scintillanti spettacoli di stelle cadenti, nei prossimi mesi”».
Chiude Tondo: «Colpisce, in ogni caso, che il vicepresidente Bolzonello continui a essere relegato a ruoli marginali: è uno dei tanti gregari alla corte della presidente, che, in queste settimane, lo sta delegittimando. Il programma elettorale chi lo decide? Il candidato presidente o Debora Serracchiani?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento