Euroregione, Tondo: «Serracchiani autocelebrativa, vedremo se gli elettori premieranno la sinistra»

«Fatico a vedere i brillanti risultati che la presidente rivendica, ma forse sono distratto, come dice lei»

«Ci sono circostanze in cui l'autocelebrazione rasenta la patologia. Anche sull'Euroregione, Debora Serracchiani delinea scenari stupefacenti. Sempre più misteriosa la scelta di scappare da piazza Unità, visto che sta completando un quinquennio trionfale, stando a quanto dice». Così Renzo Tondo, presidente di Autonomia Responsabile in Consiglio regionale, nel rilevare che «fatico a vedere i brillanti risultati che la presidente rivendica, ma forse sono distratto, come dice lei. Mai come in questi anni abbiamo toccato allarmanti picchi di tensione nei rapporti con la Carinzia, soprattutto sulla gestione dei flussi migratori. Forse, su questo versante, erano distratti lei e i sui compagni rottamatori del Pd: presto sapremo se gli elettori premieranno la sinistra per questi anni favolosi».

Secondo Tondo «é poco elegante, soprattutto per una maestra di buone maniere, attaccare sul fronte giudiziario l'ex presidente della Carinzia: la sinistra manettara, evidentemente, non impara mai. In compenso, mi pare che la prodigiosa truppa Pd targata Renzi abbia fatto qualche passo falso giocando alla finanza creativa, o mi confondo? E, forse, certe assoluzioni recenti risultano indigeste e hanno messo in fibrillazione il sistema nervoso dell'infallibile presidente con la valigia in mano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

  • Gubbio-Triestina 2 a 0 | Le pagelle: brutta e senz'anima, Offredi affonda l'Unione

Torna su
TriestePrima è in caricamento