Sigillo trecentesco a Monassi, Torrenti: «Poco opportuno e imbarazzante dare merito a chi non ne ha»

«Durante il suo mandato alla guida del Porto non ha prodotto alcun risultato degno di nota»

L'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, interviene in merito alla consegna, da parte del sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, del sigillo trecentesco all'ex presidente dell'Autorità portuale giuliana, Marina Monassi, giudicando quanto meno «imbarazzante come uno dei massimi riconoscimenti da destinare a chi, attraverso il proprio operato, ha garantito a Trieste una crescita sostanziale sia stato assegnato ad una persona che, durante il suo mandato alla guida del Porto, non ha prodotto alcun risultato degno di nota».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Trieste - aggiunge Torrenti - ha riconquistato il suo porto con la presidenza di Zeno D'Agostino e le necessarie sinergie istituzionali a livello regionale e nazionale. Ora si aprono grandi prospettive rispetto alle quali, all'epoca della presidente Monassi, nemmeno si parlava. Che sia festa per tutti, naturalmente, ma dare merito a chi non ne ha - conclude l'assessore - è decisamente poco opportuno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento