Traffico di Cani, Sequestrati 53 Cuccioli sull'a4

Tra le razze segnalate dagli uomini della Forestale, chihuahua, labrador, alano, cocker, carlino, bassotto, yorkshire, golden retriver, bulldog francese e terrier Un altro elemento dei traffici di importazione e commercio illecito di animali...

Tra le razze segnalate dagli uomini della Forestale, chihuahua, labrador, alano, cocker, carlino, bassotto, yorkshire, golden retriver, bulldog francese e terrier

Un altro elemento dei traffici di importazione e commercio illecito di animali pregiati è stato stroncato con il sequestro di 53 cuccioli di cane, operato lungo l'Autostrada A4, nei pressi di Palmanova. Il Corpo Forestale Regionale ha preso in custodia e affidato ai centri specializzati cagnolini di molte razze pregiate.

Stamane, infatti, è stato fermato su segnalazione un furgone proveniente dall'Ungheria, con targa ungherese, che trasportava a Rovigo e a Milano gli animali (tutti di età superiore ai quattro mesi) destinati al commercio clandestino.

Il CFR ha preso sotto tutela i cani, che erano accompagnati da documenti irregolari, compilati a mano e non elettronicamente, come invece prevedono le procedure internazionali. Tra le razze segnalate dagli uomini della Forestale, chihuahua, labrador, alano, cocker, carlino, bassotto, yorkshire, golden retriver, bulldog francese e terrier.

Gli animali sono stati sottoposti ai controlli da parte del servizio veterinario dell'Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 "Medio Friuli" e poi affidati ai centri di custodia specializzati.

Foto di repertorio

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

Torna su
TriestePrima è in caricamento