Treni in Regione, Penale da 4,5 Milioni per una Società Spagnola

L'assessore Santoro ha parlato anche del nuovo orario cadenzato In merito alla fornitura degli otto elettrotreni che la Regione ha acquistato nel 2011 dalla spagnola CAF-Construcciones y Auxiliar de Ferrocarriles, l'assessore regionale alle...

L'assessore Santoro ha parlato anche del nuovo orario cadenzato

In merito alla fornitura degli otto elettrotreni che la Regione ha acquistato nel 2011 dalla spagnola CAF-Construcciones y Auxiliar de Ferrocarriles, l'assessore regionale alle Infrastrutture Santoro ha dichiarato, in sede di IV Commissione consiliare, che le tempistiche di consegna del materiale rotabile alla Regione previsto contrattualmente (completi di tutte le autorizzazioni necessarie alla messa in servizio - erano attesi per il 18 dicembre 2012) sono state e sono tuttora condizionate dal processo autorizzativo, posto che i tempi di produzione dei treni hanno presentato un limitato scostamento rispetto a quanto previsto».

«La Regione, a fronte dell'inadempimento della CAF rispetto i tempi di consegna, ha notificato l'applicazione delle penali per l'importo massimo previsto, che si attesta attorno ai 4,5 milioni di euro. Oltre ad essere 'parte danneggiata' da questa situazione, questa Amministrazione ha voluto attivarsi direttamente con le istituzioni ed autorità coinvolte al fine di sollecitare lo svolgimento delle pratiche necessarie. Le prove in linea sono finalmente iniziate e stanno dando esiti positivi».

L'assessore Santoro ha anche ricordato che l'entrata in vigore del nuovo orario cadenzato è un percorso che parte dal 2010 nell'ambito del Piano regionale del Trasporto pubblico locale e vede la "cristallizzazione" con la firma il 27 maggio 2013 (pochi giorni l'insediamento dell'attuale Giunta regionale) della Regione Veneto con le Ferrovie dello Stato. A fronte di tutte le segnalazioni pervenute nei primi mesi di sperimentazione, gli uffici regionali hanno elaborato un insieme di misure correttive, che apportano, laddove tecnicamente fattibile, alcune modifiche all'orario. «Il documento contenente le variazioni, condivise con i pendolari - ha affermato Santoro - è stato consegnato a Trenitalia il 29 gennaio scorso. Siamo ancora in attesa di un riscontro da Trenitalia sulla fattibilità e sui corrispettivi richiesti. Particolare attenzione infine è riposta sulla Linea 15 Trieste-Tarvisio, che sta soffrendo un sensibile calo di puntualità dovuto principalmente a rallentamenti (non riassorbibili dall'attuale materiale rotabile) dovuti a lavori in galleria sulla linea Pontebbana che si protrarranno fino a fine anno. Tale situazione rende necessaria un'azione correttiva per assicurare maggiore regolarità, rispetto alla quale abbiamo già avviato ed è in fase conclusiva un'interlocuzione tecnica con Trenitalia e RFI».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

  • Segnala il furto di una macchina a Montedoro, ma per il Direttore e la Polizia non v'è traccia

  • Pugno di ferro del Questore, giù la saracinesca del bar Moderno

  • Maxi evasione per oltre due milioni di euro, nei guai autonoleggio con finte sedi in Slovenia

Torna su
TriestePrima è in caricamento