Tuiach nella lista Dipiazza? "Può essere"

“Con Forza nuova è difficile lavorare nelle istituzioni, sono visti male perché considerati estremisti. A mio avviso sono i più cattolici, ma è un cattolicesimo antico. Voterò con la maggioranza per il bene della città”

Fabio Tuiach, dopo l'espulsione da Forza Nuova, non esclude la possibilità di entrare nella lista civica Dipiazza. Il consigliere del gruppo misto, ospite a “Sveglia Trieste” su Telequattro, risponde alla domanda del giornalista Marco Stabile su un suo possibile futuro nella lista del primo cittadino: “Può essere, anche se non posso dirlo per certo. Di Dipiazza ho grande stima, da lui ho tutto da imparare. Nel mio percorso certi valori sono diventati più forti, nel mio piccolo ho condizionato il Consiglio Comunale con la mia fede, che nel tempo è diventata sempre più grande. Per esempio non si era mai sentito Polidori con il crocifisso, che è stato rimesso anche dallo stesso Dipiazza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su Forza Nuova

Su Forza Nuova il consigliere ed ex campione nazionale di pesi massimi ha dichiarato: “Con loro è difficile lavorare nelle istituzioni, sono visti male perché considerati estremisti. A mio avviso sono i più cattolici, ma è un cattolicesimo antico. Ora mi impegnerò a votare con la maggioranza per il bene della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

Torna su
TriestePrima è in caricamento