Savino (FI): "Il Governo faccia chiarezza sull'accordo con la Cina"

"Le ambiguità dentro le quali si sta muovendo il Governo, unite alla mancanza di un confronto con il Parlamento su un'operazione così strategica per il nostro Paese, ‎lasciano molti dubbi e perplessità, ma soprattutto alimentano le preoccupazioni sul destino di alcuni hub fondamentali per il nostro commercio come il porto di Trieste"

"Il rischio che un'opportunità di sviluppo commerciale per l'Italia si trasformi in una totale sottomissione alla potenza cinese è grande, e il premier Conte nella sua intervista di questa mattina non ha colto l'occasione per fare chiarezza su numerosi dettagli dell'accordo con la Cina". Lo afferma l'on. Sandra Savino di Forza Italia, coordinatrice regionale del Friuli Venezia Giulia.

"Le ambiguità dentro le quali si sta muovendo il Governo - aggiunge Savino -, unite alla mancanza di un confronto con il Parlamento su un'operazione così strategica per il nostro Paese, ‎lasciano molti dubbi e perplessità, ma soprattutto alimentano le preoccupazioni sul destino di alcuni hub fondamentali per il nostro commercio come il porto di Trieste sui quali hanno puntato i loro obiettivi gli investitori di Pechino. Il governo ha il dovere di aprire dei tavoli di confronto con tutte le autorità interessate, a partire dalla Regione Friuli e dall'Autorità portuale di Trieste, per fare chiarezza e garantire maggiore trasparenza sul tipo di investimenti che i cinesi vorranno fare per il porto e su quali siano le loro reali intenzioni per tutto il territorio nazionale".

Cina e Via della Seta: le perplessità degli USA

"Auspichiamo dunque che il prossimo passo del governo sia quello di aprire un confronto con il Parlamento, prima di sottoscrivere documenti impegnativi e intraprendere percorsi che potrebbero causare danni irreversibili alla nostra economia" conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento