Violenza a minorenne, Serracchiani: «Atto odioso da profugo»

«Un atto socialmente e moralmente ancor più inaccettabile quando è compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro Paese»

«La violenza sessuale è un atto odioso e ripugnante sempre, ma risulta socialmente e moralmente ancor più inaccettabile quando è compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro Paese». Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando il tentativo di stupro nei confronti di una minorenne avvenuto ieri sera a Trieste da parte di un cittadino iracheno richiedente asilo.

Per Serracchiani «in casi come questi riesco a capire il senso di rigetto che si può provare verso individui che commettono crimini così sordidi. Sono convinta che l’obbligo dell’accoglienza umanitaria non possa essere disgiunto da un altrettanto obbligatorio senso di giustizia, da esercitare contro chi rompe un patto di accoglienza. Per quanto mi riguarda, gesti come questo devono prevedere l’espulsione dal nostro Paese, ovviamente dopo assolta la pena. Se c’è un problema di legislazione carente in merito – ha aggiunto Serracchiani - bisogna rimediare». La presidente ha voluto esprimere «massima solidarietà verso la vittima della violenza e gratitudine alle forze dell’ordine che hanno assicurato alla giustizia l’assalitore».

Potrebbe interessarti

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Ricetta cheesecake ai frutti di bosco, il dolce estivo da provare

I più letti della settimana

  • Trovato senza vita in mare: addio al fotografo Guido Cecere

  • Fuoriesce del materiale radioattivo, tre operai all'ospedale

  • Euro 6, le novità sulle vetture di nuova immatricolazione

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Allerta meteo: in arrivo forti temporali su tutto il FVG

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento