Riforma sanitaria, Zilli (LN): «Tanti spot e molti disservizi sul territorio»

«Presentata dall'assessore Telesca un'analisi priva di dati aggiornati e che non dà soluzioni ai problemi»

«Qual è lo stato dell'arte della riforma sanitaria targata Serracchiani? Per ora ancora tanti spot e molti disservizi sul territorio, dal Nue con i suoi blackout a oltranza, ai Cap, contenitori vuoti, la brutta copia della medicina di gruppo (che era fiore all'occhiello del nostro sistema) e che allo stato attuale non forniscono servizi migliori ai cittadini».
Così Barbara Zilli (LN) a margine dei lavori della III Commissione, che ha visto in audizione l'assessore Telesca, che ha riferito sullo stato di attuazione della Riforma e sui Cap.

«Mi aspettavo risposte dall'assessore Telesca - attacca Zilli - non un'analisi priva di dati aggiornati e che non dà soluzioni sulle problematiche che ancora permangono nel sistema sanitario della nostra regione. In un contesto in cui ci paghiamo per intero il costo della sanità, non possiamo permetterci di procedere a tentativi».
«Inoltre - puntualizza Zilli - voglio sottolineare il problema di metodo, ormai usuale, per cui in Commissione si risponde soltanto a ciò che si ritiene opportuno».

«I cittadini hanno la chiara e netta percezione che i nervi scoperti della riforma sono ancora molti - ha detto Zilli - e l'imbarazzante difesa che la maggioranza ha messo in piedi in Commissione è di fatto la certificazione del fallimento dell'intera operazione».
«Rimane infine ancora irrisolto il nodo delle liste d'attesa - dice Zilli - tema scottante che abbiamo affrontato presentando una mozione più di un anno fa: si riconvochi al più presto la Commissione per discutere in dettaglio la questione - conclude la consigliera del Carroccio - vera cartina al tornasole dell'efficienza del servizio sanitario, un traguardo che si allontana sempre più per il Pd».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento