Arrivano dall'Units le Mis-mas: dagli striscioni in PVC ad una speciale collezione di borse

Arriva dall'Università un’idea per un regalo originale, bello, colorato, unico e solidale, e perché no, economico:la nuovissima collezione Mis-Mas

Le Mis-Mas sono borse, astucci, trousse, in PVC che portano impresse manifestazioni, mostre, eventi dell’Università di Trieste. Impossibile ricostruire lo striscione da cui sono ricavate: pezzi unici, tessere di un mosaico impazzito, assemblate con intuito creativo, ricucite e trasformate in borse e astucci originalissimi, colorati, imprevedibili, sorprendenti. Neuroni in fuga accoppiati a bolle d’acqua giganti, pesci atterrati su mappe geologiche carsiche, turbine abbinate a prati a pois, trame cibernetiche, colorati caratteri tipografici dispersi qua e là... insomma, quello che in triestino si definisce un mismas, un miscuglio.

 Mis-Mas è un progetto nato da un’idea semplice: cosa fare degli striscioni plastici utilizzati dalla nostra Università per promuovere le manifestazioni scientifiche, come Trieste Next, e poi abbandonati nei magazzini? Osservando gli ingombranti rotoli di vecchi striscioni ammonticchiati nel sottoscala della nostra palazzina, pensando anche ad esempi che giungono dal web, è arrivato lo spunto per il progetto. Per quanto riguarda gli artigiani non c’è stato bisogno di cercare: li avevamo accanto, nel Padiglione M dove, in un ampio salone al pianterreno, ha sede la Lister Sartoria Sociale. Il nostro ufficio ha sede infatti nel Parco di San Giovanni, dove nel 1908 venne inaugurato l’ospedale psichiatrico cittadino.

 Le Mis-Mas sono le borse nate dalla sinergia di Università di Trieste e Lister che nel Parco risiedono mantenendo vivo il messaggio del “parco delle idee”. La Lister era il laboratorio perfetto per questo nostro progetto: l’atelier svolge infatti attività di sartoria e arredo esclusivamente con materiali tessili riciclati, interpretando il manufatto in relazione all’habitat urbano, ripercorrendone la trasformazione dei consumi, le memorie, rielaborandone codici, stili e materiali. Oggetti e capi dismessi vengono disassemblati, ricostruiti, cuciti e trasformati incrociando sperimentazione e tecniche tradizionali.

Ma l’obiettivo delle Mis-Mas non si esaurisce qui. Altrettanto importante è il riciclo e riuso di un delicato materiale di scarto come il PVC. Con le Mis-Mas la nostra Università risparmia anche i costi di smaltimento e preserva l’ambiente riutilizzando questo materiale con creatività artistica e orientamento sociale. Proposte per la prima volta in occasione di Trieste Next le Mis-Mas sono state tutte acquistate nel giro di tre ore. Riproposte alla Barcolana, hanno riscosso lo stesso successo fulminante

. Le Mis-Mas si possono acquistare presso il Museo Nazionale dell’Antartide (da martedì a venerdi: 9 - 13 e sabato: 10 - 14), che si trova sempre nel nostro bel Parco.Il ciclo produttivo a kilometri zero, infine, visto che l’iter dalla ideazione alla vendita avviene a pochi metri di distanza, permette un azzeramento delle spese di imballaggio e consegna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Brutto incidente in via Costalunga, un ferito

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

Torna su
TriestePrima è in caricamento