Cucina tipica, ricetta tradizionale e varianti del frico

Abbiamo già parlato di alcuni buonissimi piatti tipici del nostro territorio. Oggi è la volta del frico, particolare pietanza della cucina tradizionale del Friuli Venezia Giulia. Il frico è un piatto a base di Montasio, patate e cipolla. Ecco la ricetta

Abbiamo già parlato di alcuni buonissimi piatti tipici del nostro territorio. Oggi è la volta del frico, particolare pietanza "povera", antica e tradizionale della cucina del Friuli Venezia Giulia. Il frico è un piatto a base di formaggio (Montasio) di varie stagionature, patate e cipolla. È considerato la preparazione culinaria più tipica del Friuli, più precisamente della Carnia, riconosciuto tra i prodotti agroalimentari tradizionali friulani e giuliani. Viene solitamente servito come secondo piatto o piatto unico.

Varianti

Il frico può essere preparato in due versioni:

  • friabile: con una consistenza croccante, è molto sottile ed è fatto di solo formaggio che viene fritto in olio bollente. Facile da sagomare è ottimo per delle terrine di funghi o fonduta di Montasio. Può essere servito anche come snack
  • morbido: o frico di patate, si prepara con del formaggio di diversa stagionatura, patate, burro o olio e sale, si presenta come una grossa frittata

Entrambi possono essere serviti sia come antipasto che come secondo e sono ottimi, anche, accompagnati con della polenta. Sebbene, oggi, il frico sia visto come un piatto festivo, tradizionalmente la sua preparazione era finalizzata al recupero dei ritagli di formaggio. Vediamo insieme come prepararlo.

Ingredienti

  • Pepe nero q.b.

  • Montasio stagionato o semistagionato 500 g

  • Patate 500 g

  • Cipolle 200 g

  • Sale fino q.b.

  • Olio extravergine d'oliva 50 g

Ricetta

Sbucciate le cipolle e affettatele finemente a rondelle, poi sbucciate anche le patate con un pelaverdure o un coltello e grattugiatele con una grattugia a fori grossi. Eliminate la scorza del formaggio Montasio e grattugiatelo sempre con la grattugia a fori grossi. Versate 40 gr di olio, e la cipolla in un tegame capiente. Fate soffriggere qualche minuto a fuoco lento mescolando spesso con un cucchiaio di legno per evitare che la cipolla si attacchi al fondo della padella o si bruci. Dopodiché unite anche le patate grattugiate e fate cuocere per circa 10 minuti. A questo punto unite anche il formaggio Montasio grattugiato, salate e pepate e fate cuocere il frico per circa 20 minuti a fuoco medio, mescolando per far sciogliere il formaggio completamente. Quando avrete terminato la cottura e avrete ottenuto un impasto omogeneo, spegnete il fuoco. In una padella antiaderente a bordo basso versate un filo d'olio, fatelo scaldare leggermente e versate l'amalgama di patate, cipolle e Montasio nella padella, cercando di eliminare il grasso superfluo. Distribuite e compattate il frico nella padella e cuocetelo a fiamma alta senza mescolare come fosse una frittata. Appena si sarà formata la crosticina, giratelo dall'altro lato per completare la cottura. Ed ecco che il frico è pronto per essere gustato. 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento