Elià, dalla Grecia l'amore per la cucina e la tradizione ellenica (FOTO)

Triestini ma di origine greca, Sara e Manuele Vogiatzaki portano a Trieste l'amore per la cucina e la tradizione ellenica. Sabato 3 l'inaugurazione

S'inaugura sabato 3 dicembre “Elià”, il nuovo ristornate greco in via Mazzini 3; la nuova avventura di due giovani triestini ma di origine greca, Manuele e Sara Vogiatzakis, vuole portare a Trieste l'amore per la cucina e la tradizione ellenica.

Manuele Vogiatzakis ha vissuto 4 anni ad Atene dove ha cominciato, con vari corsi di cucina, a porre le basi di quello che sarebbe stata la sua realtà di oggi. Trasferitosi a Londra per altri 3 anni, ha perfezionato la tecnica in vari ristoranti di cucina intenazionale, tra i quali quello dell'icona culinaria Jamie Oliver, completando poi il suo ciclo a Barcellona. Oggi è pronto, assieme alla sorella Sara, ad aprire il suo ristorante; un sogno che è stato reso possibile anche grazie alla comunità greco-orientale di Trieste presieduta da Stelios Ritsos.

Il ristorante prende il nome da quello che fu il dono di Atena che, secondo il mito, colpì una roccia con la sua lancia e fece nascere dalla terra il primo albero di olivo. Elià infatti significa ulivo, il dono della dea agli umani per illuminare la notte, per mendicare le ferite e per offrire nutrimento.

«Vogliamo ricreare piatti tradizionali e ricercati che valorizzino non solo i gusti classici ma che facciano scoprire anche qualcosa di nuovo – ha commentato Manuele – Un esempio? Le chochlius burburistùs, lumache al rosmarino e aceto, la iuvetsi, una tipica pasta greca con brasato di manzo o anche il dakos, tipico pane secco croccante con pomodoro e feta.» Idee innovative legate alla tradizione quindi, che si susseguiranno in un menu dinamico con ingredienti che seguiranno il corso delle stagioni.

È stata sottolineata anche la speciale alleanza con la comunità greca: «La comunitá greca ha un "laboratorio della cultura greca" con cui abbiamo intenzione di interagire creando serate a tema: per esempio vi faremo viaggiare in specifiche regioni attraverso curiosità, storie, piatti e musica; vi faremo divertire con serate che prevederanno un menù a base di un ingrediente che sceglieremo via via e vi incanteremo con la serata dei "mezè" dove presenteremo diversi piattini (una specie di tapas) accompagnati da musica greca dal vivo

Questa apertura si prospetta un evento unico nel suo genere: sembrerà davvero di fare un tuffo nella bella Atene o in qualche isola lontana baciata da qualche dio. «Abbiamo inoltre deciso di rimodernare il locale per dargli un tocco di modernità e vorremmo ringraziare la ditta edile S&S di Bojan Radulovic che ha compiuto tutti i lavori all'interno del nostro locale e la nostra artista Michelangela Cardarella per i disegni sui muri. Un enorme grazie anche alla FIPE che ci aiutato e supportato per rendere tutto ciò»

La serata di sabato inzierà alle 20:00 con l'inaugurazione del ristorante durante la quale sarà presente l'archimandrita della chiesa greca che darà la sua benedizione. A seguire un ricco buffet gratuito e degustazioni di vino, birra e prosecco.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento