Tradizioni a Trieste, la Festa cittadina della Madonna della Salute

Si tramanda che a Trieste, durante il 1849, esplose un’epidemia di colera che venne poi schiacciata grazie alla Madonna della Salute. Da allora i triestini, per devozione, ogni 21 novembre si radunano al Santuario festeggiandola solennemente

Santuario di S. Maria Maggiore

Era il 1849 quando a Trieste esplose un’epidemia di colera che in breve tempo causò migliaia di vittime. Proprio da quel momento, si tramanda che l’epidemia venne schiacciata per intercessione della Madonna della Salute in seguito alla processione del 15 ottobre di quell'anno stesso. Da allora i triestini, per tradizione e devozione, ogni 21 novembre si radunano al Santuario dinanzi l'immagine sacra, esposta dal 12 novembre. Ecco che allora, la Festa per la Madonna della Salute fu proclamata “Festa della città di Trieste” nel 1854.

Programma

In occasione della Festa cittadina della Madonna della Salute, celebrata dai Frati Francescani dell’Immacolata in collaborazione con la Confraternita della Madonna della Salute, la Cappella Musicale del Santuario e Il Comune di Trieste in collaborazione con la Società Filarmonica Sant’Apollinare e con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, abbiamo assistito ad un programma ricco di attività (dal 10 al 21 novembre). Oggi, 21 novembre 2019, si conclude con la giornata principale la festa cittadina. Alle ore 11.00 verrà celebrata la solenne S. Messa Pontificale del Vescovo di Trieste alla presenza delle autorità cittadine. La S. Messa sarà accompagnata dai canti della Cappella Musicale del Santuario di Santa Maria Maggiore che eseguirà, come per tradizione, la Messa “Sancta Maria” del compositore triestino Giuseppe Rota, scritta di proposito per la ricorrenza. Durante l'arco della giornata sono previsti, durante tutte le celebrazioni, anche altri cori. Nel pomeriggio canteranno alle ore 16.00 il Družbeni Zbor Zcpz di Trieste, alle ore 17.00 la Società Polifonica di S. Maria Maggiore, alle ore 18.00 il Coro Città di Trieste e, all’ultima S. Messa delle ore 19.00, il Coro Iuvenes Harmoniae di Udine. Al termine della Messa delle ore 19.00, il tutto verrà concluso con il solenne Te Deum di ringraziamento in canto gregoriano e la benedizione della Città di Trieste con l’icona della Madonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento