Moda: Muskin, la pelle vegetale ricavata dai funghi

Da diversi anni ormai l’industria conciaria si dibatte riguardo la questione etica di utilizzare pelle animale per realizzare capi d’abbigliamento. Muskin, in questo caso, rappresenta una soluzione sia dal punto di vista etico che ecologico. Scopriamo di cosa si tratta

Da diversi anni ormai l’industria conciaria si dibatte riguardo la questione etica di utilizzare pelle animale per realizzare capi d’abbigliamento. Non tutti sono d'accordo a questo modo di operare, ed inoltre, a rendere ancora più insidiosa la questione sussiste un altro problema: per rendere il materiale adeguato all’impiego tessile, i tradizionali processi di concia fanno uso di sostanze chimiche che danneggiano gravemente l’ambiente. C'è chi preferisce acquistare prodotti cruelty-free per quanto riguarda scarpe, accessori vari e abbigliamento, in questo caso la pelle vegetale rappresenta un’alternativa interessante a quella di origine animale.

Muskin, cos'è

Muskin, dell’azienda Zero Grado Espace di Montelupo Fiorentino, rappresenta una soluzione sia dal punto di vista etico che ecologico. Stiamo parlando di una pelle totalmente vegetale creata utilizzando una particolare specie di fungo che viene trattato senza l’impiego di sostanze inquinanti. In particolare, si tratta di una pelle estratta dal cappello di un fungo, e può essere lavorata in maniera del tutto simile a quella animale, con una concia interamente naturale. Proviene interamente dal Phellinus ellipsoideus, una specie di fungo molto grande e non commestibile originario delle foreste subtropicali. La sua lavorazione prevede l’utilizzo di prodotti ecologici come eco-cere in grado di conferire alcune caratteristiche essenziali al pellame.

Vantaggi

Ma quali sono i vantaggi di utilizzare un prodotto ricavato da sostanze vegetali non inquinanti?

  • l’aspetto esteriore è molto simile alla pelle scamosciata, ed inoltre risulta molto più morbido.

  • Questo tipo di pelle viene definito un materiale unico nel suo genere, quindi pregiato.

  • Muskin è una pelle vegetale del tutto atossica e, dunque, è possibile utilizzarla senza problemi per realizzare manufatti che sono a diretto contatto con la cute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento