Sapori tipici, lo Strucolo dolce e salato tra Italia e Istria

La ricetta dello Strucolo unisce elementi della cucina istriana, austriaca e italiana. Scopriamo insieme di cosa si tratta e le varianti di questo golosissimo e particolare piatto tipico

La ricetta dello Strucolo unisce elementi della cucina istriana, austriaca e italiana. Lo Strucolo, ricetta tipica della zona della Venezia Giulia e in particolare delle tavole di Trieste e Gorizia, vanta una storia particolare, legata all’origine del nome. Il termine Strucolo è, infatti, l’italianizzazione da parte degli italiani istriani della parola slava strukllj a sua volta traduzione della parola tedesca strudel. In realtà, una versione tutta triestina dello strudel più tradizionale esiste, è lo Strucolo de Pomi, in cui un guscio sottilissimo e croccante racchiude un dolce ripieno di mele e uvetta.

Cos’è lo Strucolo

La somiglianza con il noto dolce di mele non sta solamente nel nome ma anche nella forma. Lo Strucolo, infatti, è un rotolo di pasta con un ripieno, arrotolata su sé stessa fino a formare un cilindro. Le differenze però sono molte, prima fra tutti la varietà del ripieno, che nello Strucolo varia tra il dolce e il salato, ma anche il metodo di cottura.

Lo Strucolo salato

Lo Strucolo salato viene servito in genere come primo piatto e racchiude un ripieno di ricotta e formaggio, oppure verdure come piselli o spinaci (il famoso Strucolo de Spinaze) o di carne di vitello.

Lo Strucolo dolce

La versione dolce può essere farcita con frutta fresca, frutta secca o cioccolato. Nella zona carsica limitrofa a Trieste, lo Strucolo per eccellenza è ripieno di noci, uva passa e pangrattato ed è condito con burro fuso e un pizzico di cannella, questa ricetta originaria dell’Istria è diventata piatto tradizionale della zona triestina grazie all’esodo degli istriani in terra italica ed è diventato un dolce molto diffuso ed apprezzato. Dopo la bollitura, lo Strucolo, farcito con il trito di frutta secca, pangrattato e miele, viene arrotolato, dopo la cottura in acqua si taglia a fette spesse e si insaporisce con burro fuso, cannella e zucchero a velo.

Strucolo de pomi: sapori di casa

La cottura dello Strucolo

La cottura dello Strucolo ha una particolarità, non viene infatti infornato o cotto al tegame ma si cuoce lentamente, come già accennato, tramite bollitura, proprio come gli gnocchi. Il rotolo, dopo essere stato farcito e insaporito, viene arrotolato e chiuso con la “straza”, il canovaccio, con i bordi chiusi con dello spago e immerso in acqua bollente.

Dove mangiare dei buoni Strucoli sul Carso di Trieste

Ecco alcune idee:

  • Agriturismo Milic Zagrski - Frazione Sagrado, 2 - Sgonico (TS)

  • Agriturismo Picko - Località Gropada, 111 (TS) 

    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
  • Agriturismo Grgic - Località Padriciano, 193 (TS)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento