← Tutte le segnalazioni

Eventi

Dalla voce dell'opposizione il progetto sanitario in alternativa alla giunta Serracciani

Ho voluto essere presente ai "stati generali " di Forza Italia convocati sulla sanità non a caso a Gorizia per sentire dalla viva voce dell'opposizione il loro progetto alternativo alla nuova proposta in tema sanitario della giunta a guida Debora Serracchiani . Inizia a parlare L'on. Sandra Savino annunciando di voler dare la parola ai vari sindaci a una politica di indirizzo valutando le reali necessità dei cittadini in campo sanitario ed altri temi in attenzione della giunta poi alla fine chiuderà i lavori il capogruppo di Forza Italia Riccardo Riccardi . L' on. Savino ha deciso di chiedere la convocazione degli esponenti del centro destra regionale per poter iniziare un tipo di lavoro che è questo del confronto e del dibattito tra di noi in coerenza con quello che è stata l'iniziativa mia ho inteso far ripartire l'iniziativa politica sul territorio . " Credo che partendo dai sindaci anche se ritengo di dover partire dalla riforma Tondo : il territorio da una parte e gli ospedali , dall'altra , sia il miglior modo per un alternativa di quello che stiamo osservando ormai da un anno , la politica di indirizzo che forse si occupa molto di altro invece di valutarle reali necessità di questo paese con la presidente Serracchiani distratta da altro , rispetto alle esigenze dei suoi cittadini . Forza Italia è qui oggi per proseguire la sua linea non solo sulla riforma sanitaria ma anche su alti temi , abbiamo in questi giorni l'assestamento di bilancio e parleremo più avanti di un altro tema importante che è la riforma dell' edilizia , quindi Forza Italia è al centro del dibattito politico come sono al centro le riforme e partiamo da oggi dalla riforma sanitaria . Il dato che emerge con forza più di altri è che questa riforma sanitaria e la impronta ideologica di questa riforma non può passare inosservata .Sappiamo chi è a capo della commissione salute della nostra regione che è Rotelli che tutto vede meno che le esigenze dei cittadini rispetto quelle che sono la sua voglia di potere. Su questo grande problema dei centri di igene mentale non vorrei che intendesse fare della regione un grande centro di salute mentale sbagliando anzitutto mettendo assieme territorio e aziende ospedaliere , noi proponiamo , un azienda territoriale , tre aziende ospedaliere e nosocomi in rete . Attraverso questa fusione a freddo tra territorio e ospedali voluti da Rotelli ci sono diverse domande che insorgono spontanee quali saranno i rapporti tra ospedali e il territorio …… "

Poi per primo è intervenuto il sindaco Di Gorizia Ettore Romoli lamentando uno schiaffo alla città chiudendo il punto nascita , di seguito sono intervenuti il sindaco di Gemona Paolo Urbani, il sindaco di Sacile Roberto Ceralo , per il sindaco di Latisana ha parlato Micaela Sette , il sindaco di Cividale Stefano Balloch,il sindaco Francesconi di Spilimbergo , sono seguiti infine gli interventi del consigliere Ziberna , Marini , Bertoli con la chiusura del capogruppo Riccardo Riccardi , motivando che altri convegni seguiranno sul territorio con medici , sindacalisti ecc.ecc. evidenziando che : "Serracchiani sbaglia a mettere insieme territorioe aziende ospedaliere e che , la riforma sanitaria và fatta e serve a razionalizzare le spese " su questo tutti sono d'accordo !Da ultimo una minaccia che è più che una promessa : " faremo una battaglia durissima " sulla sanità non si scherza , non si può prendere a cuor leggero un tema che è la vita delle persone .

Claudio Visintin

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Nicola
    Nicola

    Sinceramente avevamo a Trieste un eccellenza sanitaria , poi mettono mano i politici ! Per risparmiare , ma sulla salute delle persone non si deve risparmiare e con la scusa di dover fare le riforme fanno solo grandi danni ! Questo è quanto :

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento