← Tutte le segnalazioni

Disservizi

« Riqualifichiamo il Campo Sportivo di Campanelle !!! »

Correva l'anno 1964 e un nuovo sodalizio sportivo si affacciava nel panorama triestino: il Campanelle Calcio .

Cinquant'anni dopo la società oggi si appresta a festeggiare il proprio primo mezzo secolo di vita . Così scrive il Piccolo nelle pagine dello sport .

Scrivo queste righe che mi vengono dal profondo del cuore per chiedere al signor sindaco Cosolini ed alla sua giunta comunale di rompere il patto di stabilità al fine di dare avvio alla riqualificazione del complesso sportivo a Campanelle in erba sintetica .La società Campanelle (come le altre) svolge al meglio la sua opera sportiva e sociale in un rione popoloso e storico di Trieste. Nonostante le difficili condizioni dell'impianto (unico campo comunale a Trieste a non essere ancora stato rimodernato ed attualmente non agibile...) con le conseguenze problematiche economiche per far allenare e giocare i ragazzi e le ragazze della società in altri impianti (100 gli atleti....) che si impegna tutti i giorni per presentarsi al meglio in pieno rispetto delle regole e con la professionalità di chi opera con dei giovani.

Ho avuto modo di conoscere personalmente il presidente del Campanelle Lorenzo Giorgi ammiro questa persona per come si sta spendendo per i giovani ma anche anziani che frequentano la sede e posso garantire essendo io frequentatore che ci si sente come in una grande famiglia dove i valori morali ed il rispetto per il prossimo sono al primo posto.

Concludendo auspico che il Comune provveda quanto prima dotare loro il tanto aspettato campo in sintetico. Un tanto per equiparare questo rione agli altri già funzionali a Trieste permettendo anche a questa benemerita società triestina ed ai tanti giovani ragazze e ragazzi di potersi divertire in un contesto sano e proficuo come è lo sport se fatto con sano agonismo e lealtà.

Claudio Visintin

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento