← Tutte le segnalazioni

Altro

SI POTEVA EVITARE

Potrebbe essere uno dei tanti interventi di Polizia e poi il malvivente viene arrestato e finisce in carcere, ma purtroppo non è stato cosi' l'altro giorno a Trieste

SI POTEVA EVITARE?? (si dice spesso) LA LEGGE E' LA LEGGE, IL CODICE PENALE E' UNO SOLO, IL CODICE DI PROCEDURA PENALE E' UNO SOLO. MA "cavolo" , anche di MAMME ne abbiamo tutti una sola e voi mi direte ma cosa c'entra?

Il rapinatore era per l'ennesima volta agli arresti domiciliari dove era finito per l'ennesima rapina, una persona violenta e pericolosa era stato scritto dappertutto, eppure è evaso per l'ennesima volta dagli arresti domiciliari e poteva fare una strage, la colpa è solo sua?? NOOO , Amici di FB, qualcosa della LEGGE non funziona, tanti omicidi nelle nostre città si potevano evitare eccome, tante rapine, tanti stupri e violenze di qualsiasi tipo, eppure la magistratura ancora e ancora si ostina a "liberare" questi delinquenti. Ripeto , la legge è una sola e quindi i magistrati la applicano, ma se ad un magistrato ammazzano la mamma o un figlio, il delinquente lo mettono agli arresti domiciliari? Scusatemi lo sfogo, ma credetemi conosco bene questo malvivente arrestato in questo caso e vi posso dire che è sempre stato pericoloso , ma io sono solo un poliziotto e quindi non giudico ma arresto, anche se spesso mi sembra davvero di perdere il mio tempo.

Feriti due colleghi e altre due persone, potevano essere mamme o papà e hanno rischiato la vita per bloccare il rapinatore, certo i due poliziotti hanno fatto il proprio dovere, ma perché rischiare di morire quando si poteva assolutamente evitare che il delinquente fosse libero ?

La sicurezza e la prevenzione non sono "un gioco" di società, senza di esse non si può vivere serenamente e proprio per questo motivo sono sempre più indignato e mi chiedo se vale veramente la pena rischiare la propria vita, per poi vedere dall'alto i propri figli piangere su una tomba che riporta scritto "papa' ERA un eroe".

Gli operatori delle forze dell'ordine e la magistratura svolgono il proprio lavoro , ognuno prendendosi le proprie responsabilità, ma allora cosa non funziona? Tante persone mi dicono spesso che non si deve aspettare che "ci scappi il morto", ma se qualcosa da qualche parte non cambierà, la prevenzione e la sicurezza in questo nostro amato Paese, resteranno un ricordo.

Maurizio Cudicio, un poliziotto qualunque.

.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Sandro
    Sandro

    A proposito da quanto scritto dal signor Claudio ho trovato in internet questo riferimento al caso dei signori combattenti , mai stanchi …ammirevolissimi Visintin in ricordo del loro figlio Maury  ; sono stato felice di essere amico di un ragazzo , solare , gioioso , meraviglioso amante della moto , della VITA . Mi mancano i nostri .. "giri " . Ci manchi te a tutta la compagnia di Roiano ..... Riposa in pace amico caro !   Questo blog aderisce alla campagna dei coniugi Visintin alla sagra de la sardela: basta omicidi stradali    Questo blog, aderisce con convinzione, alla campagna dei Coniugi Visintin, in ricordo del loro figlio Maurizio ( qui per saperne di più: http://xcolpevolex.blogspot.it/2013/12/omicidio-stradale-e-guida-in-stato-di.html; http://xcolpevolex.blogspot.it/2014/07/una-famiglia-triestina-scrive-al.html). A Trieste, in questo periodo, si svolge la tradizionale sagra de la sardela, giunta alla sua XVII edizione; organizzata dalle società ASD Campanelle, ASD Trieste in festa e MSP Italia, ed unisce al divertimento,alla passione, importanti iniziative di carattere sociale e di solidarietà attiva, come si può leggere nel loro sito, “permette di operare sul territorio, intervenendo a favore dei giovani concittadini, sostenendo economicamente le società sportive dilettantistiche triestine ed a livello sociale l’associazione no profit Action Aid Italia con l’adozione a distanza di un bambino (Brasiliano) e promuovendo varie associazioni del territorio, come ad esempio l’Associazione Donatori Sangue Trieste per sensibilizzare la gente sull'emergenza (soprattutto estiva) di mancanza di sangue". La Sagra aderisce anche alla campagna dei coniugi Visintin in ricordo del loro figlio Maurizio esponendo uno striscione con scritto: “Quando devi guidare non bere!!! La vita è il bene più prezioso che abbiamo… Non buttarla via!!!! La sagra venderà, forse, qualche birra in meno ma sarà orgogliosa se salverà’ qualche vita in più’".  A ciò non posso che aggiungere, come già scritto recentemente, che questo blog, auspica, quanto prima, l'introduzione del reato di omicidio stradale perché “ ogni giorno di ritardo, a livello di prevenzione e di repressione, è un giorno ove chiunque può continuare ad uccidere con il proprio mezzo, che può divenire una mera arma micidiale se usato male, e rimanere semplicemente impunito”.  Buona sagra e buona solidarietà, e che il rispetto per la vita non abbia più alcun prezzo.   Marco Barone     

  • Avatar anonimo di Elena mamma
    Elena mamma

    Non ci sono parole per ringraziare i coniugi Visintin  , da me non conosciuti per come si battono come leoni in ricordo del loro amatissimo figlio Maurizio la cui vita è stata immolata al dio vino . Si battono che nessuno deva piangere i propri cari causa .... AMMIREVOLI !!

  • Il titolo della Segnalazione è : “ SI POTEVA EVITARE “ No , Lei sbaglia gentile signor Maurizio Cudicio che non ho il piacere di conoscere , Lei non è un poliziotto qualunque , Lei è una grande persona che svolge il suo lavoro proteggendo per il possibile la collettività , la cittadinanza tutta . Capisco la frustrazione di chi arresta i malfattori e magari mentre i poliziotti stanno ancora terminando le pratiche burocratiche se li trovano già fuori a spasso ( anche i pericolosi che lei descrive ) . Ha pienamente ragione Lei e chi potrebbe affermare il contrario quando dice che : “La sicurezza e la prevenzione non sono "un gioco" di società, senza di essa non si può vivere serenamente . Sottoscrivo e mi creda la sua indignazione è pari se non superiore alla mia ! Se mi permette faccio mie le sue parole : mi chiedo se vale veramente la pena rischiare la propria vita, per poi vedere dall'alto i propri figli piangere su una tomba che riporta scritto " papa' ERA un eroe". Nooo questo non dovrebbe mai , dico mai, mai… succedere anche se tutti sappiamo che non è andata purtroppo sempre così . Molte sono le perdite di vite umane tra i poliziotti , in questa benemerita categoria di lavoratori pubblici che combattono quotidianamente contro chi non rispetta le regole , il vivere civile , e che fanno il proprio dovere . Certo Lei scrive ancora : “ Gli operatori delle forze dell'ordine e la magistratura svolgono il proprio lavoro , ognuno prendendosi le proprie responsabilità, ma allora cosa non funziona? “ Io modestamente credo che i politici preposti e pagati profumatamente a legiferare si dovrebbero loro in primis a farsi questa domanda ! Già cosa NON FUNZIONA ? Mi perdoni se esulo dal suo scritto ( forse ) ma in tema di sicurezza plaudo viepiù al vostro lavoro e come ho potuto scrivere in una mia Segnalazione in questo bellissimo sito internet ( dove tutti possono dire la loro ) rivolgendomi a un suo collega conosciuto alla Sagra di Campanelle , è il poliziotto signor Edoardo Alessio e scrivevo nella segnalazione postata : “ Dal poliziotto ho saputo che è stato lui a sistemare lo striscione in sagra ( non bere se devi guidare …. ) e addirittura mi ha ringraziato significando che con il nostro messaggio scritto rendeva meno duro il loro lavoro e , se …. anche i cittadini comuni intervengono , ci aiutano molto …. Si , lo confermo i poliziotti assieme ai vigili del fuoco , della protezione civile , al 118 sono i nostri Angeli Custodi in terra …. Se , magari il 18 dicembre 1999 una pattuglia di polizia fermava quel automobilista che guidava ubriaco sulla strada del Cacciatore , Maurizio a soli 25 anni non sarebbe volato in cielo ma sarebbe ancora tra di noi, allorché il signor Edoardo Alessio mi congedava con le parole che mi rimbombano ancora in testa : " Le sue parole , signor Claudio valgono più di un mio stipendio , grazie di cuore per le sue belle parole che certamente riferirò ai miei colleghi ! “ Grazie a voi tutti di questa benemerita categoria che tutelate la collettività e magari a volte mettendo in pericolo la vostra vita . Sii signor Maurizio Cudicio io penso , noi pensiamo davvero genitori che il Vostro impegno sia essenziale in una società dove chi trasgredisce le regole a volte comporta un alzata di spalle tanto paga poco o non paga quasi mai . Mio figlio portava il suo stesso nome Maurizio ! Chi ha ucciso Maurizio in stato di ebbrezza , secondo la legge Italiana ha pagato il conto ! 6 mesi con la condizionale e 3 mesi di sospensione della patente . Tanto valeva nel 1999 la vita umana di un ragazzo di 25 anni la cui unica colpa era di trovarsi sotto una mira sbagliata di un auto tipo proiettile che lo ha schiacciato contro il muretto della strada spaccandogli all’istante l’osso del collo e lasciando noi genitori in quel stesso istante con l’ergastolo del dolore . Scusi , scusatemi voi lettori dello “ sfogo “ . Ho scritto anche al Premier Renzi di essere ricevuti solo almeno cinque minuti per parlare di omicidi stradali come pure ho mandato al Piccolo richiesta di pubblicazione della mia lettera aperta , peraltro ottenendo al momento solo un silenzio assordante . Fino alla fine dei nostri giorni ci batteremo noi umili genitori con le nostre misere forze affinché nessuno debba piangere un proprio caro che magari esce da casa salutando e guidando la propria macchina e torni a casa in una bara da morto .Concludo ringraziandoLa per il suo e dei colleghi poliziotti impegno affermando quanto ancora scritto da Lei : “ma se qualcosa da qualche parte non cambierà, la prevenzione e la sicurezza in questo nostro amato Paese, resteranno un ricordo “. Sottoscriviamo signor Maurizio Cudicio, non un poliziotto qualunque, ma una gran bella persona prima che poliziotto e … chissà se fosse stata lì , nel 1999 una pattuglia che svolgendo il loro preziosissimo lavoro che fermava quell' automobilista … “ SI POTEVA EVITARE “ I genitori di Maurizio , Claudio Graziella Visintin .

    • Avatar anonimo di lidia
      lidia

      mi associo alle sue parole signor Claudio

      • Avatar anonimo di maurizio
        maurizio

        che dire, grazie delle sie belle parole. se le può intressare io scrivo quasi ogni giorno sulla mia pagina fb movimento poliziotti. Sceivo tutto quello che ho dentro ma nessuno scrive sui media e sui giornali. Ancora grazie. Maurizio Cudicio

Segnalazioni popolari

  • Soffiatoi e tagliaerba in zona università, la segnalazione di una lettrice

  • "Uomo di fede in nome di Dio abbatte alberi sani per abbellire la sua chiesa", la segnalazione di un lettore

  • Fontana di Barcola o piscina? La segnalazione di un lettore

  • "Buche pericolose in via Giulia", la segnalazione di un lettore (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento