← Tutte le segnalazioni

«Trieste, ala fin te son sempre quela»: la poesia che celebra la vita ed i ricordi triestini

Redazione

Riportiamo la bellissima poesia di Maurizio Dossi pubblicata sul gruppo Te son de Trieste se... La poesia celebra Trieste, la vita, i ricordi e le piccole cose che ogni giorno ci accompagnano nel nostro percorso. 

A Trieste. 
Son nato qua, in Primavera. 
Sessanta primavere 
le xe passade e ti, Trieste, 
ala fin te son sempre quela.
Co zogavo a scinche con i amici sul marciapie
risciando anche de perder la più granda,
la più bela. O con le figurine a scola, 
quando el scudeto del Reàl Madrid valeva oro... 
La mia prima bicicleta, e via a corer un drio de l'altro 
a Sant'Andrea, col gelato ala fin che mama ne comprava. 
Nonna me ricordo, che la abitava in Greta 
nele case popolari. 
Povera, el gato che la tigniva 
gaveva dado via de mato
e la gaveva le gambe straziade 
de sta bestia povera anca ela... 
Co i xe vignudi col saco a ciaparlo 
e de lui più gnente no savevimo. 
La radiolina che la ne contava le partide, 
con Papà che zogava sempre do colone, 
una fissa, sempre quela, e una a puf,
ala come capita. 
Dio come me ricordo el treno dele Rive e noi 
che magnavimo sardoni vardandolo passar. 
Che spetacolo per mi, che me imaginavo sto treno
grando, che el se fermava quando un auto i lo 
meteva storto. 
E mio Papà, che ingegner naval el iera, 
che me tigniva in brazzo , alto 
quando la Raffaello la ghe se scesa in mar 
solevando una onda che fin a Muja 
la ghe xe rivada.
De trovar posto per l'auto problemi no iera
e con la prima auto che mio Pare el me comprava
per portarlo a lui e Mama in giro. 
Meno mal che i ga salvado el Tram de Opcina, che ghe 
stavo indosso al tramvier per veder tuto... 
e cossa gaveria dado per manovrar 
quela levetta che la fazeva passar l'aria 
e che ei tram la ralentava. 
Bon semo nel 2017... roba che mai pensavo de rivar 
e dir che no son vecio, ma soto GMA ancora che 
son nato. E mia Mama, ancora fedele 
alla abitudine paterna de pregar per 
el nostro Imperator, che del 906 la iera nata 
e tuto la se ricordava... 
Bon, andemo avanti e anca se barche 
San Marco no fa più, pazienza... Alberghi e Casino' 
galleggianti ancora i fa qua a Monfalcon.
Ala insegna ancora e sempre, de 
Viva l' A. e po bon.

16788292_10210431756888372_290521709_n-2Autore: Maurizio Dossi, medico triestino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

  • Segnalazioni

    Incidente auto-scooter in via Valmartinaga

  • Segnalazioni

    Gaia Peracca della Triestina Nuoto vince due ori ai campionati europei Master

  • Segnalazioni

    Scuola Elementare S.Giusto Martire: giardino o foresta?

Torna su
TriestePrima è in caricamento