← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Vergogna , gli anziani a Casa Bartoli, estate ancora senza condizionatori !!!!

~Trieste , 14 giugno 2014.
Oggetto : Segnalazione Casa Bartoli

Premesso che a leggere: A Casa Bartoli gli anziani aspettano ancora i condizionatori e : Casa Bartoli, estate senza condizionatori , riportate sul Piccolo come segnalazione , seguito i giorno dopo da un articolo personalmente mi ha provocato il voltastomaco e vari lancinanti dolori addominali ed alla testa !
Spiega l'assessore Famulari - sta partendo la gara per l'impianto di condizionamento -. Sich … A giorni dovrebbe essere pronto il bando . E l'assessore Dapretto aggiunge : " non ce la facciamo per quest'estate " . Ma come… , considerando che il problema era NOTO dal 19 giugno 2013 !!! E ... che basta superare a Casa Bartoli il lungo tunnel che porta agli uffici della direzione per trovare refrigerio perché lì ( stranamente ) il climatizzatore c'e come pure aggiungo io sono ben refrigerati le sedi del Comune , Provincia , Regione abitate non da anziani non autosufficienti ma immagino da persone più o meno giovani ed in salute .
Rilevo peraltro che nel 2010 l'Ospizio marino di Grado ( sempre Italia - sempre in F. V. G . - ) fu sottoposto sotto sequestro dalla Procura di Gorizia , per problemi igienico - sanitari conseguenti al malfunzionamento del sistema di condizionamento .
Considerato che a casa Bartoli " soggiornano " persone anziane e non autosufficienti sarebbe il minimo dare loro un po' di sollievo in un ambiente refrigerato e non torrido quando la calura esterna sale .
Considerando che i tempi della politica NON coincidono con i tempi delle persone specie più anziane e forse , qualcuna nel frattempo è passata a miglior vita mentre lor signori discutevano nei vari tavoli più o meno rotondi di patto di stabilità ( stupidità a rasentare la crudeltà ) rimpallando il problema tra Comune , Provincia , Regione e mancanza di autorizzazione da parte della Sovrintendenza …… colpevolmente insensibili ! Gli anziani di Casa Bartoli hanno il pieno diritto , non solo sancito per legge , di trascorrere gli ultimi anni della loro vita con rispetto e dignità ! Quel rispetto che anno perso ai miei occhi tutti coloro che in tutti questi anni non anno messo il condizionatori in quel sito e che le famiglie degli anziani continuano a pagare rette di ricovero elevate senza vedere risolti i più elementari ed importanti servizi a garanzia della qualità della vita dei pazienti ospiti . Se cè un minimo , un soprassalto di dignità agite subito , fatelo ora , eseguite i lavori senza aspettare e perdere del tempo prezioso che gli anziani non né anno tempo da perdere .Questo scritto è venuto dal cuore ( non ho famigliari ne conoscenti ricoverate a casa Bartoli ) da un cittadino che non si sente un suddito e che ha attraversato tutto fino in fondo il tunnel buio del dolore ed essendo suo malgrado "un esperto del dolore" cerca nella sua esistenza umilmente perché nulla è peggio del nulla , miseramente di contribuire nel sociale verso gli ultimi , gli ammalati , quelli che se non appaiono sui mass media non fanno notizia e spesso sono dimenticati anche dalle istituzioni che a loro dovrebbero porre rimedio . Auspico che politici seri e per fortuna ce ne sono rispondono a questo mio appello in favore degli anziani non autosufficienti di Casa Bartoli e lascino i lestofanti di turno , loro colleghi magari intenti a spartirsi il bottino , rubando milioni e milioni di euro come le cronache di ogni giorno sono piene a danno di tutta la collettività .

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sportello Aperto Anziani
    Sportello Aperto Anziani

    Dalla segnalazione  del cittadino e dalla nota di stampa: "traspare", oltre al disumano trattamento a persone anziane non autosufficienti con presenza di multi patologie quindi,  fragili, deboli; di inadempienze in materia di sicurezza e, precisamente  quanto riguarda la dichiarazione conformità a norma di legge - Impianti elettrici -. cablaggio - adeguamento e la messa a norma di ogni tipologia di impianto elettrico.  La presenza di apparecchi elettrici portatili, pinguini, ventilatori, de-umidificatori, rappresentano un alto rischio incendio (la continuità del loro funzionamento può comportare il surriscaldamento delle prese elettriche che, se non sorvegliate può tradursi in incendio.  Inoltre, viene alterato il documento della valutazione  dei rischi che, sicuramente non contempla il rischio  per il lavoratore nel caso manipoli apparecchi elettrici portatili. Anche il d.lgs. n.81 9 aprile 2008, in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, allegato 1.9 <Microclima> e l'allegato 1.9.2  <Temperature dei locali> tutelano, per l'appunto, la salute del lavoratore.  Da quanto evidenzia la segnalazione e la nota di stampa, emerge che le misure non vengono adottate!

  • Sono ovviamente perfettamente d'accordo con te. Seguo molto da vicino i problemi dell'Area Sociale. Quando c'è da farlo scrivo un articolo per cercare di "muovere" le coscienze.

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento