Calcio internazionale al Rocco: ospiterà per la prima volta al finale del Trofeo Internazionale Città di Gradisca-Trofeo Nereo Rocco

Rossi: «Spero che questa sia una bella festa di sport, un'occasione in più per contribuire al rilancio della nostra città, per arrivare a quei risultati a cui tutti noi puntiamo»

Trieste e lo stadio Rocco ospiteranno domenica 24 settembre, con inizio alle ore 15, con ingresso gratuito, la finale del 32° Torneo calcistico internazionale Città di Gradisca-Trofeo Nereo Rocco, riservato alla categoria allievi a cui partecipano 16 squadre, tra club e rappresentative, del calibro di Milan, Chivas (Messico), Olimpia Lubiana, rappresentativa FVG, Atalanta, Stella Rossa, Gois (Giappone), Triestina, Empoli, Udinese, Toluà (Colombia), Gorica, Torino, Rijeka, Venezia e Malta. L'importante appuntamento (è la prima volta che il Rocco ospita la finale del prestigioso Torneo) è stato presentato nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nel salotto azzurro del Comune di Trieste, alla quale sono intervenuti l'assessore allo Sport Giorgio Rossi, i presidenti regionali del Coni Giorgio Brandolin e della FIGC Ermes Canciani, il consigliere regionale Emiliano Edera, l'amministratore unico della Triestina Mauro Milanese e Franco Bonanno, presidente dell'Associazione Sportiva Dilettantistica "Torneo Internazionale Città di Gradisca" che organizza il tradizionale Torneo di calcio giovanile. Tra i presenti anche Tito Rocco, figlio del grande Paron.

rossi brandolin milanese edera-2

«È un onore per noi - ha detto l'assessore Giorgio Rossi - ospitare per la prima volta allo stadio Nereo Rocco di Trieste la finale di questo tradizionale e importante Torneo internazionale di calcio giovanile e di questo ringrazio gli organizzatori ed in particolare il presidente Bonanno, con l'auspicio di rivederci ancora. Spero che questa sia una bella festa di sport, un'occasione in più per contribuire al rilancio della nostra città, per arrivare a quei risultati a cui tutti noi puntiamo».  

L'importanza di rafforzare la visibilità di questo Torneo è stata ribadita dal presidente del Coni Brandolin che ha evidenziato anche «la grande collaborazione tra le istituzioni e tra le società dilettantistiche e professionistiche». Il presidente della FIGC  del FVG ha sottolineato ancora la «grande sensibilità degli organizzatori, che hanno coinvolto Udinese, Pordenone, Triestina e la rappresentativa regionale, dando così anche ai nostri giovani la possibilità di una vetrina importante». «È uno degli eventi sportivi più importanti a livello giovanile per la nostra regione», ha detto  il consigliere Emiliano Edera mettendo in luce la positiva collaborazione tra le istituzioni e tra le società, per un comune impegno a favore della valorizzazione dei settori giovanili. Parole di apprezzamento e di concreta disponibilità anche dall'amministratore unico della Triestina Mauro Milanese, che ha ricordato lui stesso di aver partecipato al Torneo che negli anni ha sempre più assunto un rilievo importante e internazionale.

La positiva collaborazione e il sostegno offerto da istituzioni, Coni e FIGC e società calcistiche sono state ricordate ancora dal presidente Franco Bonanno che ha evidenziato l'impegno profuso per «offrire sempre qualcosa in più» ad un Torneo che «è un bene per tutta la regione». Un particolare grazie Bonanno lo ha riservato all'Amministrazione comunale di  Trieste che «ci ha aperto le porte dello stadio professionistico Nereo Rocco». La partita finale sarà trasmessa in diretta su Rai 3 e tutti potranno accedere al Rocco gratuitamente.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento