Carsolina Cross: quasi 600 atleti hanno gareggiato all'Aerocampo di Prosecco

Jacopo De Marchi

È stata una giornata di festa e grande sport la 43° edizione della Carsolina Cross.
Quasi 600 atleti appartenenti a tutte le categorie, dagli esordienti ai master, si sono dati battaglia sul circuito disegnato presso l'Aerocampo di Prosecco ( Trieste ).
Nelle gare valevoli come prova nazionale di selezione per definire la squadra italiana per gli Europei di Cross del 10 dicembre a Samorin ( Slovacchia ) e dedicate alle categorie allievi/junior/promesse/senior M/F, si è assistito a duelli avvincenti e assoli degni di nota.

Tra gli assoluti maschili, sui 9 km, i gemelli Dini ( Fiamme Gialle ) hanno calato gli assi e conquistato le prime due posizioni del podio.
Dopo una prima fase di gara in cui il ritmo in testa al gruppo è stato dettato dal duo della Polizia composto da Pietro Riva e Paolo Zanatta, a metà gara Lorenzo Dini a rotto definitivamente gli indugi. Il ragazzo classe 1994 con la sua azione ha selezionato i battistrada e gli ultimi a cedergli sono stati il gemello Samuele e Michele Fontana ( Aeronautica ). Alle spalle dei gemelli Dini, Zanatta, autore di una rimonta impetuosa nel finale, ha anticipato Fontana nella lotta per la terza piazza.
Nella gara in rosa, Silvia La Barbera ha bagnato il suo ritorno tra le file del Cus Palermo vincendo la gara dopo una gara accorta e di rimonta. Fin dalle prime battute Valeria Roffino ( Fiamme Azzurre ) ha condotto le danze e alle sue spalle già a metà si è formato il vuoto. Ma La Barbera non ci stava e con un'impetuosa azione negli ultimi due kilometri ricuciva sulla battistrada e la lasciava sul posto centrando la vittoria davanti alla portacolori delle Fiamme Azzurre. Al terzo posto ha concluso Christine Santi ( Esercito ).

A livello junior maschile, il successo è stato appannaggio del padrone di casa Jacopo De Marchi ( Trieste Marchi ). Nelle prime fasi di gara Mustafà Belghiti ( Atletica Lecco Colombo ) ha selezionato il gruppo ma poi ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di problemi fisici. A metà gara in testa si era formato un terzetto composto dal pugliese Selvarolo, De Marchi e Sergyi Polikarpenko ( Cus Torino ). Selvarolo metteva alle corde gli avversari e sulla salita dell' ultimo tornata Polikarpenko perdeva qualche metro ma De Marchi non cedeva e a 500m dal traguardo sferrava l' attacco decisivo. Alle spalle di De Marchi un mai domo Polikarpenko anticipava Selvarolo e conquistava la piazza d' onore.
Tra le under 20 donne, ha dominato l' allieva Nadia Battocletti ( Valle di Non e Sole ) che ha comandato le operazioni fin dalle prime battute di gara. Laura De Marco ( Fiamme Oro Padova ) provava ad inseguire la trentina ma a metà gara subiva un decisivo fuori giro che la costringeva al ritiro lasciando via libera all' assolo della Battocletti. In seconda piazza concludeva la slovena Karin Gosez mentre sul terzo gradino del podio saliva Micol Majori ( Fanfulla Lodigian ).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento