Universiadi, la prima medaglia italiana è del triestino Auber

Nipote dell'indimenticato Pino, Gabriele ha conquistato il gradino più basso del podio nella gara di tuffi da un metro. Finale combattutissima e stravinta dal cinese Liu Chengming

La prima medaglia della nazionale italiana che partecipa alle Universiadi di Napoli ha i colori di Trieste. Il giovane tuffatore azzurro Gabriele Auber, nipote del grande Pino Auber scomparso l'anno scorso dopo una carriera strepitosa dal trampolino nella categoria master, si è posizionato sul gradino più basso del podio portando a casa un ottimo bronzo. 

Un bronzo difeso con i denti

Durante la finale, stravinta dall'atleta cinese Liu Chengming, Auber se l'è dovuta vedere con tuffatori di tutto rispetto. I tedeschi Frithjof Seidel e Alexander Lube in prima battuta, ma ha dovuto guardarsi anche dall’americano Jacob Fielding e dall'altro cinese Li Pingan. Alla fine però, l'atleta della UniCusano ha battuto la concorrenza ottenendo il punteggio di 356.20 a un punto e mezzo dall'argento andato a Seidel. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • MSC Crociere e Fincantieri svelano la nave più grande mai costruita in Italia

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Schianto tra moto e scooter in via Fabio Severo: tre feriti a Cattinara

  • "Estetique B&B" apre in via San Nicolò, la seconda sfida dei 23enni Kevin e Matteo

  • Bmw sbanda e finisce fuori strada, bimba di nove mesi portata al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento