Il San Luigi vola in serie D ed è nella storia

La squadra allenata da Luigino Sandrin grazie al pareggio per 3 a 3 contro il Lumignacco vince ufficialmente il girone regionale del campionato di Eccellenza. Una stagione vissuta da protagonista dalla prima all'ultima giornata. La soddisfazione del presidente Peruzzo

foto Matteo Nedok

Ora è ufficiale. Il San Luigi, grazie al pareggio per 3 a 3 contro il Lumignacco vola matematicamente in serie D e diventa la seconda squadra di Trieste. La squadra allenata dal mister Luigino Sandrin conquista una storica promozione - mai infatti il sodalizio biancoverde guidato da Ezio Peruzzo aveva ottenuto la categoria semiprofessionsitica - e si guadagna ancora una volta l'affetto delle moltissime persone presenti oggi sul campo di via Felluga. 

Una stagione vissuta sempre in testa

Una stagione importante quelle di Muiesan e soci, con un vantaggio di punti già considerevole all'inizio del 2019. Anche per la Pro Gorizia di mister Coceani il San Luigi andava troppo forte. Grandi festeggiamenti nel rione per la conquista di una serie D che, secondo gli addetti ai lavori, non spaventa Peruzzo e soci. La categoria sarà certamente impegnativa e occorrono investimenti diversi, ma nel calcio, come nei sogni, tutto è possibile. 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento