Libro Dedicato alla Corsa: chi-Running Oggi Pomeriggio alla Lovat

Correggere i difetti acquisiti nella corsa classica. Cambio di passo, controllo dell’appoggio piedi, allineati e mai aperti in fuori, oltre a una diversa postura sono le basi del nuovo metodo per correre senza rischiare incidenti e infortuni, il...

Correggere i difetti acquisiti nella corsa classica.

Cambio di passo, controllo dell'appoggio piedi, allineati e mai aperti in fuori, oltre a una diversa postura sono le basi del nuovo metodo per correre senza rischiare incidenti e infortuni, il Chi-Running.
Dopo il successo negli Stati Uniti dov'è divenuto molto popolare, è arrivato anche in Italia il libro 'ChiRunning' di Danny Dreyer, allenatore, pluri aratoneta di Asheville, in North Carolina, ideatore del nuovo allenamento che fonde i principi del T'ai Chi con la corsa, prendendo anche molti spunti dal modo di correre dei grandi campioni della maratona del Kenya e dell'Africa orientale.

A curare la prefazione di questo manuale, già tradotto in 14 lingue e, che negli USA ha già venduto 150.000 copie, è Gary Brackett, primo istruttore certificato ChiRunning in Italia, che venerdì 13 settembre (ore 18,00) presenterà il manuale alla Lovat di Trieste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il testo contiene le indicazioni pratiche per correggere i difetti acquisiti dalla corsa classica, battezzata 'power running' perché focalizzata soprattutto al miglioramento e al potenziamento a discapito dell'organismo stesso e per imparare a correre, anche partendo da zero, in modo del tutto nuovo.

Non a caso il 65% di chi corre, secondo le stime riportate da Dreyer e riguardanti gli Stati Uniti, va incontro almeno una volta l'anno ad un infortunio che li costringe a smettere di allenarsi.

La nuova metodica consente di bilanciare gli sforzi sul corpo evitando fastidi, acciacchi, indolenzimenti e infortuni.

La corsa fusa col T'ai Chi permette che l'energia scorra attraverso il corpo senza sforzi eccessivi, in modo più fluido, si legge nel manuale.

"L'allineamento della postura ed il rilassamento vanno a braccetto" spiega l'autore del testo.

"Il controllo del baricentro, l'appoggio sulla zona mediana della pianta del piede combinato con un'inclinazione in avanti del corpo permettono di usare la forza di gravità per spingersi in avanti inducendo una naturale propulsione, diminuendo così la fatica di spingere con le gambe e i contraccolpi alla schiena, alle gambe, al bacino e così via". La corsa fluida si basa su 4 'Chi-skills': concentrazione, percezione corporea, respirazione e rilassamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento