Libro: "Tito, Amor Mijo" Oggi Pomeriggio alla Stazione Rogers

Oggi pomeriggio alle 18.30 alla Stazione Rogers presentazione di : "Tito, amor mjio " di Marko Sosic.È un film questo libro. Ed è una poesia. Ed è un percorso di iniziazione di un adolescente alla periferia di Trieste, alla periferia dell’Italia...

Oggi pomeriggio alle 18.30 alla Stazione Rogers presentazione di : "Tito, amor mjio " di Marko Sosic.
È un film questo libro. Ed è una poesia. Ed è un percorso di iniziazione di un adolescente alla periferia di Trieste, alla periferia dell'Italia, su un confine ancora fresco e
non ancora rimarginato.
È attraverso l'immaginazione e il sogno che il protagonista compie il suo viaggio alla ricerca di una identità, di una patria, una ricerca evidente già dal titolo stesso, volutamente sospeso tra due lingue, l'italiano e lo sloveno.
Ambientato in un nord che ha i colori e il calore del mediterraneo, tra l'azzurro del cielo e del mare e il giallo dei girasoli, il romanzo scorre veloce, con uno stile che non prende fiato ma lascia i pensieri uscire di corsa dalla mente del protagonista. In questa dimensione, permeata da una fortissima componente onirica, come quella scritta da Abdulah Sidran per Papà è in viaggio d'affari, dove vive il nostro "sonnambulo ad occhi aperti", irrompe, prepotente, la storia, spietata e dura.
La mano sulla candida spalla della tenera Sofija, la pallottola nella testa della nonna, il bicchiere di Campari della maestra, la cicatrice del nonno, il cuore che batte
troppo veloce di Alina ...tutto rimane sospeso e tutto ritorna.
Come nella preghiera all'angelo con il nastro adesivo al collo, una preghiera tutta terrena perché non c'è
Dio in questa storia.
E tra i continui salti tra passato e presente, muovendosi tra i frammenti dei racconti degli adulti e le conferme dall'aldilà, tra una canzone per il maresciallo Tito e un te
con la regina Elisabetta, dallearie d'opera cantate dal padre a Sylva Koscina partigiana con Yul Brinner, il sogno e il viaggio prosegue alla ricerca di un mondo più
giusto, dove poter continuare a danzare con l'amata Alina e non avere più paura.

Marko Sosi?, scrittore e regista sloveno, è nato a Trieste nel 1958.
Laureato in regia cinematografica e teatrale presso l'Accademia per l'arte teatrale e cinematografica dell'Università di Zagabria, ha lavorato come regista in diversi teatri sloveni e italiani. È stato direttore artistico del Teatro nazionale sloveno di Nova Gorica e del Teatro stabile sloveno di Trieste. Con la sua opera Sosi? «riprende
e rinnova in modo originale la tradizione della letteratura slovena, soprattutto di confine. Per certe tematiche e atmosfere può essere affiancato a scrittori
come Boris Pahor, Alojz Rebula e Drago Jan?ar» (Veronika Brecelj).

soloparole | disponibile da giugno 2012



Potrebbe interessarti

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Ricetta cheesecake ai frutti di bosco, il dolce estivo da provare

I più letti della settimana

  • Fuoriesce del materiale radioattivo, tre operai all'ospedale

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Euro 6, le novità sulle vetture di nuova immatricolazione

  • Allerta meteo: in arrivo forti temporali su tutto il FVG

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

  • Triestina-Juventus al Rocco sabato sera, manca solo l'ufficialità

Torna su
TriestePrima è in caricamento