Tennis tavolo paralimpico: Matteo Parenzan si riconferma campione italiano

Dopo il titolo conquistato nel 2017 a soli 13 anni, Matteo si riconferma campione italiano assoluto in classe 6.
Il giovane talento triestino militante nel Kras di Sgonico, dopo aver superato abbastanza agevolmente il girone eliminatorio, in una soffertissima semifinale ha avuto la meglio su un ottimo Bove Marco (Sport insieme Lodi) per 3 a 1.
In finale trova il nove volte campione italiano assoluto nonché atleta olimpico Raimondo Alecci (Tennistavolo Albatros Zafferana Etna). Dopo il primo set perso in malo modo, Matteo cambia tattica e grazie anche ai preziosi consigli del coach slovacco Dušan Michalka, si riconferma campione italiano assoluto anche nel 2018 terminando il match 3 a 1.

Al termine delle gare Matteo, intervistato dal giornalista della Fitet, dichiara: «Il successo dello scorso anno - ammette Matteo - mi ha trasmesso una grande fiducia e allo stesso tempo molta pressione, mettendomi nel ruolo di favorito contro un avversario forte ed esperto come Raimondo. Batterlo di nuovo per me è stato importante e sono felicissimo di questo bellissimo risultato. Spero di migliorare sempre di più e di andare avanti così. Devo progredire nel ranking internazionale. In semifinale ho incontrato Marco Bove, che è stato bravo e mi ha messo molto in difficoltà. Anche nei tornei nazionali ha giocato bene ed è cresciuto, gli faccio i miei complimenti. Tornando alla finale, nel primo set ho giocato corto e la tattica non ha dato frutti. Lui era molto gasato e si è imposto facilmente. Nel secondo parziale il mio allenatore Dusan Michalka mi ha aiutato moltissimo e mi ha detto di cercare di giocare lungo sul suo puntino, avere molta pazienza e non strafare. Nell’ultimo anno svolgere quattro-cinque allenamenti alla settimana mi ha dato una grande mano, anche se è costato qualche sacrificio».

Si conclude così una stagione ricca di soddisfazioni: a livello nazionale a primeggiato ai tornei nazionali di Verona e Rovato ed anche a livello internazionale: a febbraio sempre a Lignano ha conquistato l'argento a squadre ed a Lasko in Slovenia ha portato a casa diverse vittorie che gli hanno permesso di entrare al 27° posto del ranking mondiale, risultato che fan ben sperare per le qualificazioni a Tokyo 2020.
I prossimi impegni saranno gli stage con la nazionale italiana a giugno, luglio, agosto ed a settembre il torneo internazionale a Ostrava in Repubblica Ceca.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento